L’appello delle donne del San Giorgio calcio: “Segno rosso contro la violenza”

Le ragazze della squadra di calcio femminile del Csi scenderanno in campo con due segni rossi sulla faccia e invitano tutte le altre società a dare un segnale per la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

violenza sulle donne san giorgio su legnano asd csi

Domenica 25 novembre sarà la giornata mondiale contro la violenza sulle donne e sono moltissime le iniziative sparse su tutto il territorio nazionale.

Tra le tante realtà del Csi varesino spicca una squadra, l’ASD San Giorgio 1998 femminile, che non ci sta a far passare la data sotto silenzio nel mondo del calcio ed ecco che, insieme al loro allenatore Alex Gorletta, le ragazze lanciano un’iniziativa che punta a coinvolgere tutti coloro che praticano sport attraverso il Centro sportivo italiano.

Dopo l’iniziativa del fiocco rosso dello scorso anno, quest’anno le ragazze gialloblu tornano alla carica, con una nuova iniziativa. In occasione della giornata di campionato concomitante, scenderanno in campo con due strisce rosse disegnate sotto gli occhi.

Il motivo viene spiegato sulla pagina Facebook della squadra femminile: “Scenderemo in campo con i segni della battaglia perché noi donne siamo guerriere. Rosso come il sangue che caldo scorre e ci tiene in vita, Rosso come il fuoco che arde, rosso come le strisce sul nostro volto per ricordare che il rispetto deve essere una parola chiave non solo nello sport, ma nella vita di tutti i giorni.”

La squadra milita nella serie A del campionato di calcio a 7 femminile, ma spera di contagiare nell’iniziativa molte realtà della provincia.

L’associazione San Giorgio 1998 si è distinta in questi anni come una delle realtà più dinamiche, sia sotto il profilo sportivo che sociale. “Siamo molto orgogliosi di dar vita a questo tipo di iniziative – ha commentato mister Gorletta – e nel futuro continueremo a proporle, per far crescere il movimento e sensibilizzare la popolazione”.

L’iniziativa trova il pieno supporto di altre squadre e del Csi varesino. Felice di appoggiare l’iniziativa anche il presidente, Colletto Redento: “Le nostre società sono spesso impegnate nella componente sociale dello sport.
E’ nell’anima CSI andare oltre l’aspetto tecnico e queste ragazze meritano tutto il nostro sostegno nella loro iniziativa di sensibilizzazione”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 novembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore