L’Openjobmetis domina l’Alba e si regala la vittoria del girone

Fiba Europe Cup: i biancorossi dilagano nella ripresa contro gli ungheresi (91-66). Nella seconda fase affronteranno Larnaca, Sassari e Groningen

Openjobmetis Varese - Alba Fehervar 91-66

Con un secondo tempo “ad alto volume”, la Openjobmetis si regala una netta vittoria sugli ungheresi dell’Alba Fehervar (91-66), il conseguente primo posto del girone F e pure il derby italiano, nella prossima fase con il Banco Sardegna Sassari.

Galleria fotografica

Openjobmetis Varese - Alba Fehervar 91-66 4 di 34

Verdetto dunque positivo e ricco di spunti quello del primo stadio di Fiba Europe Cup per la squadra di coach Attilio Caja, che conferma il suo buon approccio complessivo alla coppa e piega con autorità l’unica squadra che fino a qui era riuscita a battere i biancorossi. Sulla partita odierna pesano un paio di assenze importanti tra gli ospiti, ma quando Varese ha deciso di schierare la sua difesa migliore e si è risvegliata dal torpore in attacco, la differenza tra le due formazione è emersa in modo potente.

Un parziale di 20-0 a cavallo degli ultimi due periodi (allargatosi poi fino a 30-3) ha chiuso i conti con parecchio anticipo, consentendo a Caja di far riposare a lungo i titolari – già non particolarmente impiegati fino a quel momento – in vista del difficile match interno di domenica prossima con Brindisi. Buon per quei giocatori come Bertone, Tambone e Iannuzzi che hanno sfruttato i minuti a disposizione per disputare una buona prova in chiave europea: l’argentino è stato il top scorer con 17 e ha preceduto il play italiano e Archie, fermi a 13.

Ora la coppa va in disparte per una ventina di giorni: Varese tornerà a respirare aria d’Europa mercoledì 12 dicembre ospitando i ciprioti del Larnaca. Poi tre trasferte in un calendario non proprio intelligente: Sassari, Groningen (Olanda) e appunto Larnaca prima di chiudere con due gare casalinghe. Non un raggruppamento facile, ma l’impressione è che la Openjobmetis abbia buone carte da gettare sul tavolo della Fiba.

Caja promuove la Varese di coppa: “Buon girone, ora pensiamo a Brindisi”

COLPO D’OCCHIO

Solito scenario per “soli appassionatissimi” a Masnago, come d’altro canto prevedibile per questa prima fase di Fiba Europe Cup. Presenze comunque oltre quota 1.300, con tanto di gruppetto di vivaci tifosi ungheresi posizionati in tribuna est.

PALLA A DUE

Due assenze pesanti per gli ospiti che oltre all’ex romano Lorant (piccolo intervento al ginocchio) devono rinunciare al playmaker Cartwright, fermo dopo un infortunio patito proprio a Masnago nell’allenamento di rifinitutra. Caja non ha problemi di sorta e inizia il match con i cinque titolari tradizionali, dando però maggiore spazio alle rotazioni in corso d’opera.

Openjobmetis Varese - Alba Fehervar 91-66

LA PARTITA

Primo tempo piuttosto “balneare” sui due lati, tanto che Caja accelera la girandola di cambi sostituendo con il passare dei minuti tutto il quintetto. Comunque Varese, pur senza incantare, resta in vantaggio fin dall’inizio con Scrubb e Ferrero a quota 5 a testa (15-11).
Il secondo quarto non varia di molto il proprio andamento: Archie pare uno dei più svagati, ma è proprio lui con due triple a segno a lanciare una mini-fuga biancorossa, mentre Cain è la solita garanzia in area. Varese non domina, perde qualche palla di troppo, ma alla pausa è avanti 37-27.
Al rientro in campo l’Alba cerca di fare sul serio, con il pivot Heath efficace sia da fuori che da sotto, Ma quando gli ungheresi arrivano a -1 palla in mano (52-51) la Openjobmetis decide che è tempo di cambiare passo: la difesa diventa improvvisamente ermetica e così Varese sfrutta bene i contropiedi e prende fiducia anche al tiro. Archie è di nuovo protagonista a suon di triple insieme a Bertone e anche a Tambone (63-51 al 30′).

IL FINALE

Il terzo, breve, intervallo della partita non placa la furia biancorossa così come inutile è il timeout di Dzunic; il parziale pro-Varese arriva a 20-0 e da quel momento in avanti l’Alba faticherà a segnare anche dalla lunetta. Avramovic, tornato in campo, delizia la platea con alcune serpentine vincenti, allargando ancora un divario che poi anche Iannuzzi, Bertone e Tambone rifiniscono. Sirena sul +25, 91-66, con Verri e Gatto in campo per qualche secondo. Adesso un giovedì di riposo e poi testa al match con Brindisi che sarà ben più tosto.

OPENJOBMETIS VARESE – ALBA FEHERVAR 91-66
(15-11, 37-27; 63-51)

VARESE: Moore 7 (2-3, 1-2), Avramovic 10 (5-8, 0-2), Scrubb 11 (4-4, 1-2), Archie 13 (0-2, 4-5), Cain 7 (2-2); Gatto, Iannuzzi 8 (3-6), Natali (0-1, 0-4), Verri, Tambone 13 (1-2, 3-5), Ferrero 5 (1-5, 0-3), Bertone 17 (5-9, 1-2). All. Caja.
FEHERVAR: Boykins 7 (1-4, 1-7), Freeman 18 (5-10, 2-5), Keller 4 (1-4, 0-2), Bullock 9 (0-2, 1-3), Heath 15 (3-6, 2-3); Varga 4 (0-2, 0-1), Peringer 1 (0-1), Filipovity 3 (0-2, 1-3). Ne: Cartwright, Toth. All. Dzunic.
ARBITRI: Karakatsounis (Gre), Tyslenko (Ucr), Dragos-Alin (Rom).
NOTE. Da 2: V 23-42, F 10-31. Da 3: V 10-25, F 10-29. Tl: V 15-17, F 16-20. Rimbalzi: V 40 (12 off., Iannuzzi, Cain 8), F 31 (10 off., Heath 9). Assist: V 19 (Avramovic 4), F 9 (Freeman 4). Perse: V 12 (Iannuzzi, Cain, Bertone 2), F 15 (Bullock, Filipovity, Freeman 3). Recuperate: V 9 (Natali, Cain, Bertone 2), F 5 (Boykins, Keller 2). Usc. 5 falli: nessuno. F. antisportivo: Bullock, Toth, Natali. Spettatori: 1.346.

I voti: accanto ad Archie spunta un ottimo Bertone

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 21 Novembre 2018
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Openjobmetis Varese - Alba Fehervar 91-66 4 di 34

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore