“Il sacrificio di tanti eroi sia da monito per il futuro”

Prefetto, Sindaco, autorità istituzionali e politiche, forze militari e associazioni hanno preso parte alla commemorazione del 4 Novembre

I morti di cento anni fa siano un monito per i popoli di oggi. La commemorazione del centenario della fine della Grande Guerra è stata l’occasione per sottolineare il valore della pace e del dialogo tra uomini e nazioni.

Galleria fotografica

Commemorazione 4 Novembre 2018 a Varese 4 di 19

Così, nel discorso ufficiale del Sindaco di Varese Davide Galimberti si è fatto riferimenti ai bambini, le giovani generazioni, che della Prima Guerra Mondiale hanno sentito parlare solo nei racconti dei propri nonni o nei film: « I miei figli, che frequentano la scuola primaria e ancora non hanno studiato questa fase storica – ha affermato Galimberti – sperano che la pace arrivi in tutte le zone del mondo. Sanno che la tranquillità e la collaborazione portano benessere a tutti.  In questa giornata in cui ricordiamo la vittoria di cento anni fa e il valore delle nostre forze armate riflettiamo sui risultati di quel conflitto che non riuscì comunque a portare stabilità. Solo dopo la seconda guerra mondiale, si diede l’avvio a un processo di integrazione in Europa, dove i paesi scelsero la via del dialogo e della collaborazione. Oggi, che arroganza e prepotenza sembrano minacciare questa lunga esperienza di pace, rivolgiamo il pensiero a chi, per la pace, perse la vita, ai tanti eroi che hanno  gettato le basi di un futuro  di prosperità e stabilità».

Anche Marco Magrini, in rappresentanza della Provincia, ha reso onore al sacrificio di chi si morì per l’edificazione dello stato democratico: « Questa ricorrenza ci permette di tenere insieme passato e futuro passando per il presente. Senza memoria storica si rischia di perdere le proprie radici. Fermiamoci dunque a interrogarci sul domani che vogliamo: non solo i diritti ma anche le basi per costruire il domani, un futuro senza autoritarismi e derive dittatoriali. Spero che la memoria ci insegni a evitare gli errori passati».

Tra le personalità politiche presenti molti componenti il senatore del PD Alessandro Alfieri e l’onorevole del PS Maria Chiara Gadda. Folta la presenza dei componenti della giunta varesina mentre si è notata l’assenza di rappresentanti della Lega Nord e di esponenti politici del centro destra in genere, se si esclude Giacomo Cosentino presente per l’intera cerimonia.

I discorsi ufficiali sono stati poi chiusi dal Prefetto, Enrico Ricci, che ha letto il saluto del Presidente Mattarella alle forze armate ( qui il discorso letto dal Presidente della Repubblica a Trieste)

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 novembre 2018
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Commemorazione 4 Novembre 2018 a Varese 4 di 19

Galleria fotografica

4 novembre 2018 commemorazioni del centenario 4 di 23

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Il sacrificio di molti per consentire a troppi di abusare delle libertà che ci hanno tramandato con il più alto sacrificio…la morte.
    In troppi oggi, spinti da una ignoranza e da politici che sanno solo infiammare e cavalcare i moti intestinali di piazza, in troppi abusano di queste libertà.
    Come quel sindaco neofascista che va in giro con la maglietta “auschwitzland”. Come quell’ennesimo destrorso di CasaPound che aggredisce a calci e pugni uno di colore sull’autobus solo perché di colore.
    Questo paese sta retrocedendo di decenni e sta lasciando spazio ai personaggi più biechi che si possano immaginare sempre mitigando tutto, dicendo che son “ragazzate”, che son bravate o che sono quattro sbandati.
    Come si dice? Ti addormenti con il buonismo e ti risvegli con il fascismo. E a casa mia essere fascista non è una questione di opinioni diverse, è un reato.

  2. Duilio
    Scritto da Duilio

    Vorrei chiedere a Felice se nelle sue considerazioni intende comprendere gli imbecilli che si nascondono dietro ogni colore politico oppure si limita a puntare il dito solo verso il “fascismo” solo perchè è tornato di moda essere antifascisti.
    Sarebbe anche interessante conoscere le fonti delle sue notizie:
    1) la Selene Ticchi con la famigerata maglietta NON è sindaco e non lo è mai stata.
    2) quale iscritto o simpatizzante di CasaPound avrebbe compiuto un simile gesto di razzismo.
    Grazie.

Segnala Errore