Un salto di qualità e una sfida: il Gruppo Fuori Fuoco presenta Induno Foto Festival

Il presidente del gruppo Fuori Fuoco Gabriele Vanetti racconta come è nato Induno Foto Festival, l'evento che sabato 24 novembre porterà in paese Ferdinando Scianna

Avarie

Mancano poche ore all’avvio della prima edizione di Induno Foto Festival, l’evento che dal 23 al 25 novembre offrirà ai visitatori la possibilità di visitare diverse mostre fotografiche e di incontrare uno dei nomi che hanno fatto la storia della fotografia italiana, il maestro Ferdinando Scianna.

Dietro al festival il Gruppo Fotografico Fuori Fuoco, che da mesi lavora per organizzare l’evento. «E’ un gruppo nato nel 2014 dalla passione di un gruppo di amici per la fotografia, che oggi conta una trentina di soci – spiega Gabriele Vanetti, presidente dell’associazione – In questi quattro anni la passione è diventata qualcosa di più e abbiamo organizzato corsi, eventi e la rassegna fotografica “Un nome dietro l’obiettivo” che in due edizioni ha portato a Induno ben 16 fotografi di livello, da fotografi emergenti come Emanuele Toscano, Mr. Save the Wall, Debora Barnaba fino ad arrivare a fotografi più affermati e conosciuti come Giorgio Lotti, Carlo Meazza, Davide Mengacci, Isabella Balena, Maurizio Galimberti, Mauro Galligani e tanti altri. Un lavoro parecchio impegnativo, che ci ha spinti a prenderci una pausa l’anno scorso e a riorganizzare il format di quell’evento per fargli fare un salto di qualità: è nata così la prima edizione di Induno Foto Festival».

Un salto di qualità e una sfida: «Abbiamo pensato ad un evento particolare, una sfida che vorrebbe proiettare il Gruppo Fotografico Fuori Fuoco in una nuova dimensione fotografica con ambiziosi progetti, sia di immagini che di cultura. Questa nuova rassegna vuole raccontare l’ esperienza maturata in questi anni da tutto il Gruppo e regalare stimoli creativi attraverso l’emozione suggerita dalle immagini e dai video, nonché dai qualificati interventi, arricchendo il bagaglio culturale degli appassionati del mondo delle immagini. Un’occasione per guardare la realtà con occhi nuovi ed interpretarla secondo le sensibilità individuali unita, per chi lo vorrà, alla possibilità dalla partecipazione alle serate di studio confronto ed arricchimento reciproco che il gruppo tiene durante l’ anno. Il termine Festival non vuole essere altro che una festa aperta a tutti ed una prima iniziativa, nell’ambito di un percorso di crescita, la prima di una serie di manifestazioni future».

E che il gruppo fotografico Fuori Fuoco abbia obiettivi ambiziosi lo si capisce dall’ospite che inaugurerà questa prima edizione del Festival, niente meno che Ferdinando Scianna, uno tra i più importanti fotografi italiani. «Ci abbiamo messo un po’ ma ce l’abbiamo fatta a portare a Induno questo maestro – racconta Vanetti – Un grande nome e una persona piacevolissima: sabato siamo stati nel suo studio a Milano e sentirlo parlare è innanzitutto una grande lezione di fotografia, ma è molto interessante per tutti, perché davvero Scianna ha attraversato un periodo ricco e importante della nostra cultura».

L’incontro con Scianna e tutte le proposte di Induno Foto Festival sono aperte a tutti e a partecipazione gratuita, anche grazie al supporto del Comune di Induno Olona e a diversi sponsor, a partire da Foto La Corte di Induno Olona che sostiene l’iniziativa.

Qui trovate il programma completo dell’evento

di mariangela.gerletti@varesenews.it
Pubblicato il 21 novembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore