Vinicio Peluffo presenta a Varese la sua candidatura alla segreteria regionale del Pd

Peluffi sfiderà Eugenio Comincini alle primarie del prossimo 18 novembre. I punti del suo programma tra ambiente, Europa e lavoro

Vinicio Peluffo

«Ri-cominciamo dal Pd, perché c’è un forte bisogno dei valori da cui il Partito democratico è nato 11 anni fa, perché l’idea originaria è ancora valida, perché è un progetto generatore di futuro e l’Italia in questo momento ha bisogno di speranza e futuro».

Con queste parole Vinicio Peluffo ha presentato oggi a Varese la sua candidatura per la segreteria regionale del Partito Democratico. Il 18 novembre, alle primarie del Pd, si giocherà la segreteria con Eugenio Comincini.

Nato a Rho nel 1971, Vinicio Peluffi ha iniziato a fare politica da giovanissimo e a 26 anni è stato eletto presidente nazionale della Sinistra giovanile. Nei primi anni Duemila è stato amministratore comunale a Rho, con l’incarico di assessore alle Attività produttive, al lavoro e allo sport dal 2002 al 2007.

Tra i fondatori del Partito democratico, nel 2008 è stato il primo cittadino di Rho ad essere eletto deputato, rieletto alla Camera anche nel 2012. In entrambe le legislature ha fatto parte della Commissione permanente Attività produttive, commercio e turismo e della Commissione parlamentare per l’Indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi.

Introdotto da Daniele Marantelli, Angelo Senaldi e Francesco Spatola, Peluffi ha detto che i punti da cui il Partito democratico deve ripartire sono una ritrovata unità, ma anche capacità d’ascolto e di un lavoro di rete per intercettare le realtà dell’associazionismo e della società civile che condividono i valori riformisti che sono fondamento del Pd.

La sua proposta politica è stata sintetizzata in un documento dove i temi prioritari per la Lombardia sono quelli dell’Europa e dell’ambiente, del lavoro, della sanità e dell’istruzione, sfide importanti per la “regione più europea d’Italia”. Qui tutti i punti

Vinicio Peluffo

di
Pubblicato il 07 novembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore