All’Agrimercato gli alberi di Natale dai boschi distrutti dal maltempo

Le punte degli abeti si potranno acquistare venerdì 14 a Varese in piazzale De Gasperi e sabato 15 a Induno Olona in via Jamoretti a San Cassano

Avarie

Dal disastro ecologico al Natale solidale.

Venerdì 14 dicembre a Varese (in piazzale De Gasperi, dalle 8.30 alle 12.30) e sabato 15 dicembre a Induno Olona (in via Jamoretti, a San Cassano dalle 8.30 alle 12.30), all’Agrimercato di Coldiretti si potranno acquistare gli “alberi di Natale” realizzati con le piante dei boschi distrutti dal maltempo di inizio novembre nel Nord Est d’Italia.

I cittadini avranno la possibilità di acquistare ad un prezzo equo di 15 euro una punta (di dimensioni variabili dal 1,5 ai 2 metri) di  un abete caduto sull’Altopiano di Asiago, uno dei luoghi simbolo della devastazione, perché nelle case degli italiani ci sia un albero di Natale della solidarietà. Un’iniziativa già sperimentata, con un successo straordinario, nel giorno dell’Immacolata al mercato agricolo coperto di Porta Romana a Milano.

«E’ un gesto concreto e importante per aiutare la ripresa dei territori feriti e regalare una seconda vita alle piante colpite – spiegano Fernando Fiori, presidente di Coldiretti Varese, e Paolo Zanotti, presidente dell’associazione provinciale AgriMercato – Saranno disponibili le piante recuperate da Coldiretti, Federforeste e Pefc. Un’iniziativa solidale, ma non solo: è anche l’occasione per far conoscere l’importanza di scegliere per Natale l’albero vero Made in Italy, che concilia il rispetto della tradizione con quello dell’ambiente, a differenza di quelli di plastica che nascono dal petrolio e inquinano.

L’ondata di maltempo, ricorda Coldiretti Varese, lo scorso 29 ottobre ha provocato la strage di alberi nel Nord Est, con oltre 8 milioni di tonnellate di piante a terra, soprattutto faggi ed abeti bianchi e rossi, compromettendo l’equilibrio ecologico ed ambientale di vaste aree montane e mettendo a rischio la stabilità idrogeologica.

«Un duro colpo per le popolazioni colpite dal punto di vista ambientale e paesaggistico, ma anche economico ed occupazionale – ricordano Fiori e Zanotti – La necessaria rimozione degli alberi caduti si è resa difficoltosa per i macchinari distrutti ed a causa dei danni alla viabilità forestale ma pesano anche i costi di taglio, sistemazione e ripristino del bosco: anche per questo, è ancor più importante sostenere l’iniziativa».

I “tutor” di Coldiretti saranno inoltre presenti per aiutare e consigliare i consumatori a scegliere, posizionare e riciclare l’abete dopo le feste; ovviamente non mancheranno i prodotti agroalimentari a chilometro zero dei produttori di Campagna Amica, dai formaggi vaccini e caprini, ortofrutta, pane, miele, confetture, e molto altro.

Nei due AgriMercati verranno infine raccolte le firme a sostegno della petizione europea “eat original/scegli l’origine” per chiedere all’Europa di rendere obbligatoria l’indicazione di origine degli alimenti, proteggere la nostra salute e prevenire le frodi alimentari.

di
Pubblicato il 12 dicembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore