Arezzo – Pro Patria 1-1, l’urlo tigrotto si ferma sul dischetto

Le Noci spara alto il rigore del possibile sorprasso sui toscani. Partita grintosa e ben giocata dalla squadra di mister Javorcic, imprecisa ma sempre in partita

pro patria varie

Un pareggio che va stretto. A dirlo è il contesto e la sensazione di rimpianto per almeno un episodio per tempo. La Pro Patria esce a testa alta dal “Città di Arezzo” con un punto che alla vigilia poteva andare bene, ma che impallidisce davanti al pensiero di poter attentare alla classifica di una capolista. Con questo Arezzo, in 10 per la maggior parte del secondo tempo, i tigrotti giocano una gran partita di attenzione, ma di scarsa precisione, che ha impedito di poter affondare nel momento più opportuno, e anzi, rischiando di scoprire il fianco alle ripartenze amaranto. Buon punto sicuramente, c’è da partire da qui per costruire una squadra dalla mentalità vincente.

PRIMO TEMPO
Pro Patria che appare poco intimorita dagli aretini e che prova a sviluppare il proprio gioco. Le prime occasioni per i biancoblù al 12’, con Di Sabato che ci prova da fuori guadagnando il corner sul quale stacca alto Battistini, che però non trova la porta. Al 16’ poi Santanta sfrutta l’errore in disimpegno dei padroni di casa, calciando forte dal limite. Sulla respinta di Pelagotti arriva Mastroianni che però scivola e calcia male. Arezzo che adesso viene fuori: al 18’ Buglio impegna Tornaghi con una girata al volo, al 19’ Zini segna su un’azione di calcio d’angolo, gol che viene annullato per il fuorigioco di Brunori sulla spizzata decisiva. Pro Patria che si rifa viva al 26’, quando Mora serve Mastoianni in area, che protegge e scarica per il destro al volo di Santana, alto. Gli amaranto però sono in palla e si presentano più volte dalle parti di Tornaghi, prima con il colpo di testa centrale di Brunori, servito dall’ottimo guizzo di Serrotti, e poi con Zini che scarica un bolide dai 30 metri, smanacciato dall’estremo difensore bustocco. Al 38’ l’Arezzo va in verticale sull’asse Buglio-Serrotti-Brunori, che segna, ma ancora un volta è in fuorigioco. Il gol degli amaranto è nell’aria e arriva all’ultimo respiro, al 46’: Punizione dal limite, tocco e Brunori che toglie le ragnatele dall’incrocio dei pali, con una fucilata che lascia impietrito Tornaghi.

SECONDO TEMPO
Inizio di secondo tempo positivo per i biancoblù, perché al 53’ Basit entra male su Fietta e viene espulso per doppia ammonizione. Al 59’ poi la Pro Patria trova il pareggio, con Mora che con un tiro-cross confonde il portiere Pelagotti, che non trattiene e anzi con una mezza papera si porta la palla in rete. Sull’1-1 l’Arezzo si tutela e la partita diventa maschia, giocata a centrocampo tra gli errori di precisione bustocchi e le ripartenze dei padroni di casa. Al 75’ Fietta ci prova da lontano, ma il suo destro è bloccato da Pelegotti. Quattro minuti dopo, Galli conquista con uno slalom il penalty che manderebbe in paradiso i bustocchi, purtroppo però il destro di un neo-entrato Le Noci termina alato. L’Arezzo prende coraggio e spaventa, anche in 10, all’89’ infatti è solo grazie al doppio salvataggio di Tornaghi e quello sulla linea di Zaro ad evitare il 2-1. L’ultimo rimpianto ce l’ha Santana, che al 95’ si vede Pelagotti volare su tiro a destra a botta sicura.

IL TABELLINO

S.S. AREZZO – AURORA PRO PATRIA 1919 1 – 1 (1 – 0)
Marcatori: 47′ p.t. Brunori (ARE); 14′ s.t. Mora (PP).

S.S. AREZZO (4-3-1-2): 22 Pelagotti; 16 Luciani, 6 Pelagatti, 26 Pinto, 32 Sala; 8 Foglia, 13 Basit, 4 Buglio (31′ s.t. 29 Tassi); 11 Serrotti (17′ s.t. 27 Bruschi); 9 Brunori (17′ s.t. 2 Zappella), 7 Zini (1′ s.t. 19 Persano).
A disposizione: 1 Melgrati, 3 Varutti, 5 Mosti, 14 Danese, 23 Stefanec, 25 Choe, 28 Keqi, 33 Borghini. All. Dal Canto.
AURORA PRO PATRIA 1919 (3-5-2): 1 Tornaghi; 4 Battistini, 19 Zaro, 18 Lombardoni; 20 Mora, 13 Gazo (13′ s.t. 24 Pedone), 16 Fietta, 8 Disabato (1′ s.t. 21 Colombo (20′ s.t. 3 Galli), 25 Sane (31′ s.t. 10 Le Noci); 11 Santana, 17 Mastroianni (31′ s.t. 9 Gucci).
A disposizione: 12 Mangano, 2 Marcone, 5 Molnar, 15 Boffelli, 23 Ghioldi, . All. Javorcic.

ARBITRO: Valerio Maranesi della Sezione di Ciampino (Ramy Younes della Sezione di Torino e Luca Dicosta della Sezione di Ciampino).
Angoli: 4 – 2.
Ammoniti: Basit, Pelagotti (ARE); Battistini, Colombo (PP)
Espulsi: Basit (ARE) per doppia ammonizione all’8′ s.t.
Note: Giornata fredda e nuvolosa. Terreno di gioco in discrete condizioni. Spettatori 2500 circa.

di
Pubblicato il 02 dicembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore