Commerciante di cannabis legale pizzicato con mezzo kg di erba illegale, condannato

Il giovane aveva avviato un'attività parallela con la marijuana ad alto contenuto di principio attivo. Condannato per direttissima

cannabis

Vendeva marijuana legale nel suo negozio ma aveva anche un’attività parallela di spaccio di marijuana illegale (con un alta percentuale di principio attivo thc), per questo è stato arrestato e condannato a due anni un giovane, titolare di uno dei tanti negozi che vendono la cosiddetta marijuana light nel Legnanese.

Il giovane, residente a Cerro Maggiore, è stato pizzicato con una dose di erba durante un controllo stradale dai carabinieri che poi hanno voluto approfondire con una perquisizione a domicilio. In casa hanno trovato altri 500 grammi di marijuana, 100 grammi di hashish e 5 mila euro in contanti, probabile provento dell’attività di spaccio parallela.

Il sostituto procuratore di turno l’ha mandato a processo per direttissima e il giovane ha rimediato una condanna a due anni da parte del giudice del Tribunale di Busto Arsizio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 dicembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore