L’avvocato dei Sinti:”Ci accamperemo sotto casa del sindaco”

A 48 ore dalla scadenza del mese in albergo pagato dal Comune, Pietro Romano torna alla carica annunciando una sorta di assedio all'abitazione di Andrea Cassani

avvocato Pietro Romano

L’avvocato dei Sinti sgomberati dal campo di via Lazzaretto, Pietro Romano, risponde a stretto giro di posta al sindaco Andrea Cassani che ieri, a margine della conferenza stampa di fine anno, aveva annunciato di non avere intenzione di fornire ai 38 minori e relative famiglie, rimasti senza casa dopo lo sgombero dell’area che si affaccia sull’A8, una nuova soluzione al problema alloggio oltre al mese di permanenza in un albergo di Somma Lombardo che scadrà domani, 30 dicembre.

«Visto che la sosta di camper e caravan è stata vietata nell’area del centro cittadino abbiamo deciso di spostarci tutti davanti all’abitazione del signor sindaco dove sosteremo il tempo che ci è concesso per poi spostarci, fare un giro, e tornare nuovamente davanti alla casa del sindaco. Non daremo tregua ad Andrea Cassani» – questa la risposta dell’avvocato Romano al sindaco.

Per Romano l’unica soluzione possibile è l’utilizzo dei fondi europei che Regione Lombardia ha incamerato e che servirebbero proprio alla sistemazione di rom, sinti e caminanti che vengono sgomberati: «Il sindaco si deve attivare con la Regione per accedere a quei fondi e sistemare definitivamente la questione dei suoi concittadini gallaratesi che ha lasciato improvvisamente senza la propria casa».

Per quanto riguarda la battuta riservata da Cassani a Romano sul suo presunto impegno politico nella vicenda, Romano non si scompone: «Se volete vi fornisco le chat con i messaggi di Cassani che mi chiedeva l’appoggio alle ultime elezioni. Vedremo come saranno felici i cittadini gallaratesi quando scopriranno quanto è costata questa scelta di mettere per strada centinaia di persone».

 

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 29 dicembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore