Linfoma non Hodgkin: convegno scientifico all’Insubria

Organizzato dall'Asst Sette Laghi, vuole fare il punto su uno dei tumori più frequenti in età pediatrica ma la cui percentuale di guarigione è del 70% grazie elle nuove terapie

Due cyclette per il day hospital del del ponte

Il linfoma non Hodgkin è il terzo dei tumori più frequenti in età pediatrica e adolescenziale. Negli ultimi 20 anni la percentuale di guarigioni complete di pazienti colpiti da linfoma è aumentata significativamente.
Nei bambini e nei ragazzi di età compresa tra i 2 e i 20 anni, le probabilità di guarigione sono superiori al 70%.

Una nuova speranza arriva da un trattamento sperimentale, una terapia genica che ha potenziato il sistema immunitario: le cellule immunitarie del paziente vengono estratte e modificate geneticamente utilizzando un virus, per poi essere re-immesse nel malato e attivarsi contro il tumore. Ci sono inoltre progressi al potenziamento dei protocolli chemioterapici con farmaci biologici e al miglioramento delle procedure di trapianto. 

È proprio per discutere degli ultimi studi che il 13 dicembre nell’Aula Magna del Collegio Carlo Cattaneo dell’Università dell’Insubria, in via Dunat 3, a Varese, si terrà un convegno scientifico internazionale dal titolo “Varese Update su linfoma non Hodgkin del bambino e dell’adolescente”, organizzato  dall’ASST dei Sette Laghi di Varese.

Responsabile scientifico del convegno è la dottoressa Maddalena Marinoni, Responsabile S.S.D. Oncoematologia Pediatrica – ASST Sette Laghi Varese, che afferisce al Dipartimento Donna e Bambino diretto dal professor Massimo Agosti. 

La Fondazione Giacomo Ascoli Onlus è partnership dell’evento. Particolarmente impegnata a sostenere la ricerca scientifica mediante contributi economici, la Fondazione finora ha erogato oltre 50.000 euro all’anno ai centri di ricerca di Varese, Monza, Pavia e Padova.

Gli specialisti che interverranno sono:

8,45 – Mitchell Cairo – Member American Academy of Pediatrics – New York

9,30 – Silvia Uccella – Dirigente Medico S.C. Anatomia Patologica – ASST Sette Laghi Varese e prof. associato di Anatomia Patologica, ASST Sette Laghi Varese

10,00 – Lara Mussolin – ricercatore Università Padova

10,30 – Marta Pillon – Dirigente Medico Clinica di Oncoematologia Pediatrica, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Padova  e Coordinatrice nazionale del GdL Linfomi non Hodgkin (LNH)-AIEOP

11,30 – Elisa Carraro – Data Manager, Clinica Oncoematologica Pediatrica, Dipartimento di Salute della Donna e del Bambino Azienda Ospedaliero- Universitaria Padova

11,45 – Diego De Palma, responsabile S.C. Medicina Nucleare – ASST Sette Laghi Varese

12.10 – Marco Pizzi, Dirigente Medico S.C. Anatomia Patologica Generale e Citopatologica, Azienda Ospedaliero-Universitaria Padova

14,10 – Andrea Biondi – professore Ordinario, Clinica Pediatrica Università degli Studi di Milano-Bicocca, Fondazione MBBM, Ospedale San Gerardo Monza

15,00 – Elisabetta Schiavello – Dirigente Medico S.C. Oncologia Pediatrica, Fondazione IRCCS Istituto Tumori Milano

15,35 – Patrizia Comodi, Direttore Tecnico-Cell Factory, Fondazione IRCSS Policlinico San Matteo Pavia

16,00 – Marco Zecca – Direttore S.C. Oncoematologia Pediatrica, Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, Pavia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 dicembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore