L’Ue e i giovani, il Comitato delle regioni adotta il parere di Bianchi

L'organismo europeo chiede ufficialmente a Parlamento, Commissione e Consiglio che il “Corpo europeo di solidarietà” abbia un link diretto con le esigenze e le iniziative delle comunità locali

parlamento europeo

Il parere portato all’assemblea plenaria del Comitato Europeo delle Regioni dal sindaco di Morazzone e deputato Matteo Bianchi è stato approvato dall’aula all’unanimità ed è diventata dunque l’indicazione ufficiale dell’organismo sulla nuova strategia dell’Unione Europea per i giovani, con un‘indicazione specifica sul programma del “Corpo europeo di solidarietà”.

Con questo voto il Comitato Europeo delle Regioni, che rappresenta la voce degli enti locali degli stati membri, chiede al Parlamento, alla Commissione e al Consiglio europeo di tenere in considerazione nell’approvazione di leggi e regolamenti che per ottenere un vero impegno dei giovani in Europa, è necessaria una maggiore sensibilizzazione a livello locale e regionale. Inoltre, chiede che il “Corpo europeo di solidarietà”, un’iniziativa che offre ai giovani nuove possibilità di fare volontariato con una dotazione di 1,26 miliardi di euro, abbia un link diretto con le esigenze e le iniziative delle comunità locali.

Indicazioni che poi si articolano in una serie di richieste più dettagliate: in particolare il comitato chiederà che gli Stati membri potrebbero prevedere esenzioni o agevolazioni fiscali come incentivo per sostenere progetti di solidarietà. Inoltre, che per evitare forme di lavoro precario o non retribuito, occorre tracciare una chiara distinzione fra il profilo di volontariato e quello occupazionale del corpo europeo di solidarietà.

A questo il comitato aggiunge che a tutti i partecipanti che hanno portato a termine un’attività dovrebbe essere rilasciato un certificato esclusivo del corpo europeo di solidarietà che descriva le competenze acquisite e che nell’attribuire i marchi di qualità ai progetti, si dovrebbero valorizzare le attività di volontariato più originali ed efficaci (come quelle condotte in collaborazione e sinergia con le associazioni sportive), in grado di spingere i giovani a mantenere per tutta la vita impegni di natura solidale.

parlamento europeo
La seduta plenaria del Comitato europeo delle regioni nella sede del Parlamento europeo a Bruxelles

Bianchi, che nella relazione del parere in aula si è fatto accompagnare dalla consigliera comunale di Gavirate Roberta Bogni, qui in qualità di esperta designata per la stesura del parere, e dal vice sindaco di Luino Alessandro Casali, ha raccolto entusiasta l’approvazione in quella che nei fatti è stata la sua ultima sessione plenaria del Comitato europeo delle regioni dove siede in qualità di sindaco di Morazzone, carica che dal prossimo maggio dovrà cedere ad altri: «Sono molto soddisfatto dell’approvazione all’unanimità – spiega Matteo Bianchi a Bruxelles – . Questo provvedimento ha avuto un iter come quello di un piccolo parlamento: con l’adozione in commissione e ora in plenaria. Ritengo importante soprattutto l’indicazione di collegare il piano europeo per il volontariato dei giovani alle esigenze dei territori ed in particolare con quei corpi che si occupano di intervento nelle grosse emergenze, come ad esempio la protezione civile e i vigili del fuoco, dove il volontariato può fare molto».

di tomaso.bassani@varesenews.it
Pubblicato il 06 dicembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore