Meno compiti a Natale per stare in famiglia: la raccomandazione del Ministro

Il Ministro dell'Istruzione Bussetti ha annunciato una circolare da inviare a tutte le scuole

libri scolastici fai da te book in progress

Pochi compiti per le vacanze natalizie. È il “regalo” che il Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti vuole fare agli studenti italiani. 

È stato lo stesso ministro ad annunciarlo durante un incontro con il Garante per l’infanzia: `«Vorrei sensibilizzare il corpo docente e le scuole ad un momento di riposo degli studenti e delle famiglie affinché vengano diminuiti i compiti durante le vacanze natalizie» .

Non sarà, dunque, a discrezione di singoli dirigenti o professori, la direttiva arriverà direttamente attraverso una circolare nelle scuole: «  per la diminuzione dei compiti durante le vacanze, compiti che gravano sugli impegni delle famiglie e quindi vorrei dare un segnale. Penso a questi giorni di festività e ai ragazzi e alle famiglie che vogliono trascorrerle insieme».

Chiaramente, l’indicazione del Ministro rimarrà una raccomandazione che ognuno potrà valutare in base al proprio lavoro educativo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 dicembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Anto Lombardo

    Meno compiti durante le vacanze per stare in famiglia.Ok, condivisibile anche se i compiti per quel che ne so di solito i ragazzi li svolgono appunto in famiglia. Ma come la mettiamo con que ragazzi che magari hanno i genitori che lavorano anche il giorno di Natale?

  2. Scritto da Bustocco-71

    E soprattutto cosa faranno quei ragazzi quando dovranno competere con chi in altre nazioni i compiti li avrà fatti? con chi sarà stato formato da un sistema serio e davvero formante?
    Ah sì, avranno il reddito di cittadinanza…………….

Segnala Errore