Violenze in corsia: la misura è colma, occorre prevenire

Lunedì 10 dicembre, l'Asst Lariana ospita un convegno dal titolo "Rispettiamoci! Prevenzione delle aggressioni nelle aziende sanitarie dell’Insubria"

Emergenza pronto soccorso gennaio 2015

Violenze verbali e, a volte, anche fisiche sono ormai all’ordine del giorno nelle corsie degli ospedali lombardi. Nei pronto soccorso le tensioni sono continue: tempi d’attesa troppo lunghi, carichi di lavoro estenuanti che lasciano poco tempo all’empatia. Medici e infermieri sono chiamati a contenere, quando non devono schivare “oggetti volanti”.

Intolleranza sia reale che virtuale con attacchi e insulti sui social che, recentemente, sono stati oggetto di denuncia da parte di un gruppo di infermiere dell’ospedale di Varese.

L’escalation di violenze però ha superato da tempo i limiti della normale sopportazione diventando un caso di discussione e analisi.

In quest’ottica si pone il convegno che ci sarà lunedì 10 dicembre all’Auditorium dell’ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia. Il titolo dell’incontro è “Rispettiamoci! Prevenzione delle aggressioni nelle aziende sanitarie dell’Insubria” (h. 8.30-13), organizzato da Asst Lariana.

L’evento, di cui è responsabile scientifico l’ing. Silvano Sartori, analizzerà il fenomeno della violenza agli operatori con esperti di diversi settori e presenterà le misure prese in questo ambito dalle Asst Lariana, Valle Olona e Sette Laghi e dall’Ats dell’Insubria.

Al termine è prevista la tavola rotonda “Ospedale e Territorio: progettualità in Pronto Soccorso” durante la quale saranno presentate anche le esperienze di volontariato in Pronto soccorso.

Il convegno è aperto a tutte le professioni. Per i dipendenti dell’Asst Lariana l’iscrizione avviene tramite Portale Dipendenti piattaforma TOM. Per gli esterni, invece, tramite registrazione e iscrizione sulla piattaforma TOM accessibile dal sito www.asst-lariana.it > Per i professionisti > Formazione > Offerta Formativa. La partecipazione è gratuita.

Ecco il programma: 

8.30 Registrazione partecipanti

9.00 Saluti delle autorità
Dr. Marco Onofri – Direttore Generale Asst Lariana
Dr.ssa Paola Lattuada – Direttore generale Ats Insubria
Dr. Giuseppe Brazzoli, Direttore Generale Asst Valle Olona
Prof. Dr. Angelo Tagliabue, Rettore Università dell’Insubria
Dr. Gianluigi Spata, presidente OMCEO  Como
Dott. Dario Cremonesi, presidente OPI Como
On. Nicola Molteni, Sottosegretario al Ministero dell’Interno

Interventi
Moderatori: Francesca Guido e  Alessandra Toni, giornaliste
Dr. Carlo Fraticelli, Direttore DSMD Asst Lariana – Un’analisi del fenomeno. Le tecniche di de-escalation
Dr.ssa Maria Cristina Della Rosa, Direttore Dipartimento Cure Primarie Ats Insubria – Attività di prevenzione per la sicurezza degli operatori sanitari in Ats Insubria
Ing. Andrea Bocchieri, Dirigente S.C. Prevenzione Protezione Rischi Asst Valle Olona – Aggressioni agli operatori del SSN: fattori di rischio, monitoraggi e necessità di soluzioni integrate
Ing. Silvano Sartori, già Direttore UOC Prevenzione e Protezione Asst Lariana – Esperienze e soluzioni in Asst Lariana
Dott. Enrico Malinverno, S.C. Qualità, Appropriatezza, Accreditamento e Rischio Clinico Asst Sette Laghi – Il sistema di segnalazione degli agiti aggressivi presso l’Asst Sette Laghi
Dr. Maurizio Ciatti, specialista in Chirurgia Maxillo Facciale – La sicurezza negli studi medici privati
Avv. Monica Alberti, esperta in legislazione di sicurezza – Ipotesi di reato e tutele per gli enti e gli operatori

Tavola rotonda
“Ospedale e Territorio: progettualità in Pronto Soccorso”
Moderatore: Prof. Dr. Giulio Carcano, presidente Scuola di Medicina Università dell’Insubria
Interverranno: dott. Alessandro Martinelli – presidente A.Ma.Te Onlus, dr. Andrea Di Francesco – presidente Cisom Como, dr. Roberto Pusinelli, direttore PS Ospedale Sant’Anna di San Fermo d/B, dr.ssa Alessandra Farina – direttore PS Ospedale di Cantù e dr. Saverio Chiaravalle – direttore PS Ospedale di Varese.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 dicembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore