Cadrezzate e Osmate verso le elezioni, fusione a tappe forzate per fare in tempo

Il processo sta procedendo lungo un iter “velocizzato” con l’obiettivo non scontato di arrivare al traguardo entro il 24 febbraio

osmate cadrezzate

Si avvicinano le elezioni comunali di maggio e se negli 80 paesi coinvolti in provincia di Varese la campagna elettorale comincia ad avvicinarsi ci sono due comuni che sono ancora sospesi nell’incertezza: sono Osmate e Cadrezzate.

I due piccoli enti sulle sponde del lago di Monate, infatti, hanno approvato con un referendum che ha coinvolto i cittadini lo scorso ottobre l’avvio del processo di fusione. Un processo che, tuttavia, sta procedendo lungo un iter “velocizzato” con l’obiettivo non scontato di arrivare al traguardo entro il 24 febbraio.

Come mai? Perché altrimenti non ci sarebbero i tempi tecnici per procedere alle elezioni comunali. Entrambi i paesi, infatti, sono arrivati alla scadenza del mandato dei rispettivi Consigli comunali e dei sindaci Emanuele Duca e cristian Robustellini e questa primavera si sarebbe dovuto procedere ad eleggerne i nuovi componenti.

Che fare, però, ora che il processo di fusione ha messo tutti in un limbo?

I sindaci hanno già inviato in Regione Lombardia la richiesta di fusione corroborata dall’esito positivo dei referendum e a questo punto è la Giunta regionale che deve prenderne atto e promulgare la proposta di progetto di legge da inviare al Consiglio regionale.

Sono passaggi tecnici che di solito richiedono un periodo comprensibilmente lungo ma che, in questa occasione, sono stati instradati lungo un percorso a tappe forzate per riuscire ad arrivare in tempo alla fine.

Già questa settimana, infatti, la Giunta Fontana potrebbe fare la sua parte e trasmettere a palazzo Pirelli tutto il necessario. I documenti dovranno dunque essere vagliati dalle due commissioni competenti del Consiglio regionale e arrivare in aula per essere discussi e approvati. A quel punto, con la pubblicazione sulla gazzetta ufficiale regionale, la legge può entrare in vigore e dare il via libera scongiurando il commissariamento dei due comuni.

di tomaso.bassani@varesenews.it
Pubblicato il 14 gennaio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore