Caja è contento della sua Openjobmetis: «La vittoria è la miglior medicina»

Il commento dell'allenatore della Openjobmetis dopo la vittoria contro Sassari. Coach Esposito ammette la sconfitta: «Varese ha vinto con merito»

basket pallacanestro varese

Torna al successo la Openjobmetis in campionato dopo tre sconfitte di fila. Alla Enerxenia Arena di Masnago cade il Banco di Sardegna Sassari 84-73; +11 pareggiato rispetto alla sconfitta dell’andata in Sardegna.

Al termine della gara coach Attilio Caja tira un sospiro di sollievo, ma non dimentica di ringraziare i suoi ragazzi: «Finalmente una vittoria. Bravissima la mia squadra, bravissimo anche il pubblico, anche oggi c’è stata una grande atmosfera e un gran tifo. I ragazzi sono entrati in campo con grande fiducia, non potevano due partite vanificare ciò che avevamo fatto. Dal punto di vista fisico vedo i ragazzi più brillanti, come ha fatto Cain contro un giocatore grandissimo con Cooley. Avra è ritornato il giocatore che conosciamo, ma oggi voglio dare grande merito a chi ha fatto bene uscendo dalla panchina: Tambone e Salumu, che già da Larnaca ha dimostrato di iniziare a essere parte della squadra

«Abbiamo fatto una partita in difesa buonissima – prosegue coach Caja -, abbiamo tenuto sotto media Sassari, il secondo attacco del campionato. La vittoria è la miglior medicina. Ora la coppa mercoledì, che però deve essere propedeutica per la partita di sabato a Trento».

Dall’altra parte, l’allenatore di Sassari Vincenzo Esposito, dà grandi meriti ai vincitori: «Complimenti a Varese perché ha giocato la gara che voleva giocare, con l’intensità e l’aggressività che le è mancata nelle ultime giornate e ha vinto con merito. Cattiveria e durezza fisica che noi abbiamo subito, non allineandoci al metro arbitrale che permetteva determinati contatti. Sono poco preoccupato per i problemi in attacco, un po’ di più per la parte difensiva. Con gli ultimi innesti abbiamo fatto alti e bassi. Sappiamo che dobbiamo lavorare, speriamo di riuscire a recuperare almeno Pierre. Il campionato è lunghissimo, siamo solo all’inizio del girone di ritorno. Dispiace perdere, ma la testa è già alla gara di mercoledì di Coppa. Varese ha controllato meritatamente, senza problemi per oltre il 90 per cento della gara».

Un bel siparietto al temine delle interviste ad Artiglio e ad “Enzino”, uno che ha vissuto da protagonista in Nba: un giovane cronista ha rivolto loro un paio di domande alle quali i coach non si sono sottratti, rispondendo con il sorriso sulla bocca. Un gran bel gesto dei due allenatori, che si dimostrano prima di tutto due signori.

di francesco.mazzoleni@varesenews.it
Pubblicato il 27 gennaio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore