Investita in via XXV Aprile, muore donna di 69 anni

L'incidente si è verificato poco dopo le 7 di questa mattina. Per l'anziana non c'è stato nulla da fare, deceduta sul colpo

Incidente via XXV Aprile, 9 gennaio

Una donna di 69 anni è morta sul colpo dopo  essere stata investita attorno alle 7 di questa mattina (mercoledì)  in via XXV Aprile a Varese, una delle arterie più trafficate a quell’ora per la presenza di un importante polo scolastico. (foto Xen Hoti)

Galleria fotografica

Incidente via XXV Aprile, 9 gennaio 3 di 3

La donna, di origine filippina, è stata soccorsa in poco tempo ma per lei non c’è stato nulla da fare a causa dell‘impatto violentissimo con una Smart che giungeva dalla questura verso il centro e che l’ha sbalzata a diversi metri dal punto d’impatto. Oltre ad un’ambulanza, un’automedica e alla Polizia Locale erano presenti sul posto anche gli agenti della vicina Questura che hanno messo a disposizione il defibrillatore anche se, purtroppo, inutilmente.

La donna avrebbe riportato un importante trauma che ha provocato un immediato arresto cardiaco.

Sul posto si sono formate lunghe code e il traffico è stato deviato per facilitare i soccorsi.  Da Autolinee Varesine fanno sapere che tutte le linee urbane di Varese sono fortemente rallentate e dunque in ritardo a causa del grave incidente di viale XXV Aprile e delle conseguenti ripercussioni sul traffico cittadino

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 gennaio 2019
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Incidente via XXV Aprile, 9 gennaio 3 di 3

Galleria fotografica

Donna investita e uccisa in via XXV Aprile 4 di 6

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da screw

    è evidente che la signora ha imboccato quelle strisce pedonali gialli pensando che fossero valide per attraversare la strada, mente lo sono solo per attraversare la ciclabile.
    quelle strisce possono trarre in inganno chiunque e sono una trappola mortale.
    quella ciclabile è una sciagura, inutile, inutilizzata, impossibile da pulire con le macchine spazzatrici.
    per me andrebbe processato chi la ha fatta

  2. Scritto da Lucaluca

    Sig. screw…l’unica cosa evidente è che la macchina si è solo fermata sulle strisce di cui parla lei mentre gli indumenti per strada fanno pensare che l’impatto sia avvenuto molto prima…magari proprio sulle strisce che utilizza mio figlio tutti i giorni per attraversare la strada e andare a scuola. E il vetro della macchina fa pensare che l’impatto sia stato tremendo e non certo a bassa velocità. Utilizzare questa sciagura per prendersela contro l’amministrazione che ha voluto questa ciclabile è sciacallaggio. Che poi questa ciclabile sia da rivedere è certo….dal mio punto di vista vieterei completamente il passaggio alle auto in quella via…veda un po lei.

  3. Scritto da Bustocco-71

    @screw: l’unica cosa evidente è l’oggettività del suo commento; ed è evidentemente pari a zero.

  4. Donato Greco
    Scritto da Donato Greco

    I fatti evidenziano che in poco meno di tre mesi di ciclabile e limite a 30 km orari si è verificata una tragedia che in anni di limite a 50 km orari e senza ciclabile non si era mai verificata. Sentite condoglianze alla famiglia e spero che abbia la possibilità di dare mandato ai migliori avvocati affinché abbiano ragione sulle varie responsabilità civili e amministrative.

Segnala Errore