Gimme5 affianca Pallacanestro Varese: “Un’alleanza innovativa”

Presentato un nuovo sponsor del club: un "salvadanaio digitale" che permette di investire piccole somme e sostenere la società sportiva

Sponsor Gimme5 Pallacanestro Varese

C’è un salvadanaio – digitale – nel quale la Pallacanestro Varese ha trovato un “tesoretto”. Il club biancorosso ha presentato quest’oggi, venerdì 25 gennaio, una nuova sponsorizzazione che va ben al di là dei consueti accordi commerciali.

Il sodalizio stretto tra la società biancorossa e il marchio “Gimme5” che fa capo alla società di gestione del risparmio “AcomeA” (ricordate questo nome sulle magliette degli arbitri, qualche anno fa?) è «un co-marketing innovativo e unico nel panorama del basket italiano che ci permette di affiancare il classico contributo dello sponsor a una serie di iniziative tese a sostenere Pallacanestro Varese» spiega Marco Zamberletti, responsabile marketing di Pallacanestro Varese. (foto in alto: Andrea Conti, Marco Vittorelli e Giovanni Brambilla)

«Gimme5 è uno strumento di risparmio digitale ed un ulteriore tassello che permette alla nostra società di porsi all’avanguardia negli strumenti di supporto al club» conferma il presidente del club, Marco Vittorelli, che ha lodato la rapidità con cui la trattativa si è aperta e conclusa in senso positivo. Un accordo che per il momento avrà respiro annuale (quindi per il 2019) ma che le due parti intendono prolungare a lungo termine.

COS’È E COME FUNZIONA

Fino a qui le dichiarazioni della società sportiva, ma all’atto pratico, di cosa si tratta? Lo spiegano Giovanni Brambilla, amministratore delegato di AcomeA (e grande tifoso di Varese, nonostante le origini milanesi) e il project manager di Gimme5, Flavio Talarico.

«Gimme5 è una app che serve per risparmiare e investire – spiega Brambilla – ma anche per educare le persone agli strumenti finanziari. Noi pensiamo che la finanza debba essere molto più inclusiva di come è vista oggi dalla gente comune: per questo abbiamo attivato partnership nel mondo della cultura (la sponsorizzazione del teatro “Franco Parenti” di Milano, alcune iniziative con il FAI ndr) e in quello del basket che riteniamo interessante».

Attraverso la app gli iscritti possono versare cifre, anche basse (l’idea di base è che siano soldi risparmiati su altre piccole spese: l’intuizione arrivò quando ci si prefisse di contrastare il gioco d’azzardo compulsivo) che possono essere investite in base al profilo di rischio indicato dal risparmiatore. Iscriversi usando il codice VARESEG5 permette di avere subito 5 euro sul conto e di partecipare alle iniziative proposte a favore della Pallacanestro Varese.

«In questo modo si apre un canale privilegiato con la società – prosegue Talarico – si può effettuare un’operazione di sostegno diretto (aperta anche a chi non investe tramite la app) ma anche coinvolgere sempre di più tifosi con iniziative pensate ad hoc per loro». In pratica, la Pallacanestro Varese potrà chiedere attraverso la app un contributo ai propri tifosi, magari in occasione di partite speciali o di situazioni particolari (per esempio: “Ci date un euro a ogni tripla di Avramovic in questa partita?). E c’è anche la possibilità di sostenere progetti benefici.

Con questo progetto la Pallacanestro Varese parteciperà anche a un’iniziativa di Legabasket: l’ente di governo della Serie A ha infatti chiesto a ogni società di presentare un progetto di marketing innovativo, sorta di “gara interna” per aumentare le idee sul finanziamento delle squadre.
Da parte sua, “AcomeA” non nasconde i tradizionali obiettivi di business (il basket dà un bacino di utenti ampio e sano e in una città come Varese si possono raggiungere tante persone partendo dal palazzetto) ai quali affianca – conclude Brambilla – la volontà di educare la gente alla finanza. Partendo da una manciata di euro e da un pallone che vola verso il canestro.

“Varese nel Cuore”, ritoccato il consiglio nel segno della continuità

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 25 gennaio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore