Il tavolo tecnico del Governo supera l’obbligatorietà della gestione associata dei comuni

Nell'incontro si è definito che resteranno delle forme di obbligatorietà per le funzioni fondamentali come i servizi sociali mentre per gli altri servizi e funzioni, invece, si punterà sugli incentivi

tavolo ministero dell'interno

Si è svolto stamattina il tavolo per la revisione del Testo Unico degli Enti Locali. Ua seduta con l’obiettivo di dire addio all’obbligo di gestione associata per i Comuni.

Nell’incontro si è definito che resteranno delle forme di obbligatorietà per le funzioni fondamentali come i servizi sociali mentre per gli altri servizi e funzioni, invece, si punterà sugli incentivi, con un sistema di controllo ben definito.

“La centralità tornerà ai Comuni – spiega il Sottosegretario del Ministero dell’Interno Stefano Candiani, presidente del tavolo tecnico-politico – con Province e Regioni chiamate a contribuire attivamente facendo da cornice alla gestione associata dei servizi sul territorio. Le Prefetture saranno arbitro della partita, i Comuni e gli enti locali torneranno ad esserne i protagonisti”.

Soddisfatto anche il vicepresidente Anci Roberto Pella: “Vi ringrazio per aver deciso di prendere il toro per le corna e affrontare la revisione del Testo Unico. Un lavoro fondamentale per il buon funzionamento dei Comuni e delle Province che nessuno da troppi anni ha voluto affrontare seriamente”.

L’obbligatorietà di gestione associata delle funzioni fondamentali era stata introdotta nel 2010 dal Governo Berlusconi e poi ampliata, da 6 a 11 funzioni, dal Governo Monti.

di tomaso.bassani@varesenews.it
Pubblicato il 17 gennaio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore