Regio Insubrica più vicina ai territori, con il nuovo Tavolo degli enti locali

Nell'incontro di questa mattina sono stati affrontati diversi temi, tra cui la mobilità e il turismo transfrontalieri, la qualità delle acque e la chiusura notturna dei valichi minori

Regio Insubrica

(foto di Jenny Santi)

Si è tenuto oggi a Mezzana (Cantone Ticino), nella sede della Comunità di lavoro, l’incontro con i Comuni membri della Regio Insubrica. 

All’incontro – condotto dal consigliere di Stato del Cantone Ticino Norman Gobbi e dall’assessore di Regione Lombardia agli Enti locali, Montagna e Piccoli Comuni, con delega ai rapporti con la Confederazione svizzera, Massimo Sertori, rispettivamente presidente e membro dell’Ufficio presidenziale della Comunità di lavoro – sono intervenuti i rappresentanti delle Province di Como, Lecco e Verbano Cusio Ossola. Per il Cantone Ticino, presenti i Comuni di Brusino Arsizio, Chiasso, Coldrerio, Lugano, Locarno, Melano, Ponte Tresa e Riva San Vitale; per la Provincia di Como, i Comuni di Como, Binago, Cernobbio, Faloppio, Olgiate Comasco, Rodero, Uggiate Trevano e Valmorea; per la Provincia di Varese Lavena Ponte Tresa, Laveno Mombello, Luino e Porto Ceresio; per la Provincia del Verbano Cusio Ossola la città di Verbania.

Tra i temi discussi in un “clima collaborativo”: la qualità delle acque (in particolare la situazione del torrente Faloppia e il tema delle microplastiche presenti nei laghi); la mobilità (car sharing, posteggi di confine e ferrovia AlpTransit); il turismo transfrontaliero e la ferrovia di Valmorea; la sicurezza (interventi coordinati Italia-Svizzera e chiusura notturna dei valichi secondari). 
Si è inoltre discusso del Comune di Campione d’Italia e delle possibili conseguenze a partire da gennaio 2020 e dell’imminente riapertura della programmazione Interreg 2014-2020 (secondo bando, che prevede risorse solo per Asse 3 Mobilità e Trasporti, Asse 4 Sociale e Socioassistenziale e Asse 5 Governance transfrontaliera).

Al termine dell’incontro si è formalmente costituito il tavolo Enti locali: si riunirà almeno una volta l’anno per affrontare e monitorare gli sviluppi delle tematiche d’interesse comune. «Il nuovo tavolo degli Enti locali – ha commentato Sertori – è fondamentale per recepire le problematiche e le segnalazioni del territorio transfrontaliero, per poi affrontarle nella Comunità di lavoro della Regio Insubrica e dare una risposta ai nostri cittadini».

Regio Insubrica

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 febbraio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore