Un San Valentino da 10 mila euro ma con la carta di credito clonata

La coppia di Caronno Pertusella (lui diciottenne, lei ancora minore) tradita dalla prenotazione in un motel fatta con la carta di credito di una donna di Cornaredo, ultima di una serie di spese folli

carta di credito pagamento

La Stazione Carabinieri di Cornaredo, al termine di una serie di accertamenti, ha identificato e denunciato una minorenne per utilizzo indebito di carte di credito.

Il tutto ha avuto inizio la mattina dello scorso 14 febbraio, quando in caserma si è presentata una residente che, dopo aver effettuato delle verifiche sui movimenti mensili della propria carta di credito, si è resa conto di una cospicua serie di spese, ammontanti nel totale a poco meno di 10.000 €, da lei mai effettuate e pertanto ha provveduto immediatamente a sporgere denuncia per la clonazione della stessa, bloccandola immediatamente.

Dai primi accertamenti i militari si sono accorti che, tra le tante transazioni effettuate, c’era anche una prenotazione presso un Motel sito nel Comune di Saronno per la stessa serata e pertanto i Carabinieri, ritenendo probabile che effettivamente qualcuno si sarebbe potuto realmente presentare presso la struttura ricettiva, dato che era la sera di San Valentino, al fine di riuscire ad identificare il soggetto in questione, si sono recati presso il Motel.

Una volta giunti sul posto, i militari hanno effettivamente identificato due ragazzi, un 18enne ed una ragazza 17enne entrambi studenti di Caronno Pertusella, che stavano alloggiando presso la camera prenotata con la carta di credito della signora che aveva sporto denuncia ed una volta chiesto spiegazioni della situazione, la ragazza ha subito ammesso ai carabinieri di aver carpito i dati della carta di credito utilizzata dal nipote della denunciante, suo amico ed ignaro di tutto ciò che era accaduto, e di aver effettuato in prima persona tutte le transazioni disconosciute dalla proprietaria. Tra le stesse, oltre ad un gran numero di capi di abbigliamento ed accessori griffati, la ragazza aveva anche effettuato delle transazioni finalizzate ad aumentare le visualizzazioni di alcune sue fotografie sui social networks.

Al termine delle formalità, la ragazza ha anche consegnato ai carabinieri tutta la merce che aveva acquistato on-line tramite la carta di credito indebitamente utilizzata, materiale che è stato posto sotto sequestro.

La ragazza è stata quindi denunciata all’Autorità Giudiziaria minorile in stato di libertà.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 18 febbraio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore