Croce Rossa e Areu veglieranno sulla salute degli atleti della “Tre Valli”

Accordo tra la società ciclistica Binda e gli operatori di salute e sicurezza per le gare organizzate nel 2019: il protocollo sarà esteso alla Gran Fondo e alle altre gare organizzate dal club del presidente Oldani

staff sanitario società ciclistica binda varese ciclismo

Il grande ciclismo stringe una alleanza strategica con gli operatori di salute e sicurezza in vista di alcune grandi gare programmate a Varese in questo 2019. L’annuncio arriva oggi dalla Società Ciclistica Alfredo Binda, la principale associazione che si occupa di organizzazione ciclistica in provincia, che ha dato vita a una collaborazione integrata con la sezione locale della Croce Rossa Italiana e con il servizio Areu 112.

L’accordo prevede che tutte le strutture del territorio mettano in campo le proprie competenze per rendere ancora più sicura la partecipazione dei tanti atleti agli eventi del Progetto Binda 2019, sia che si tratti di corridori delle categorie giovanili, sia degli amatori fino naturalmente ai professionisti.

Gli estensori del documento sono stati il dottor Angelo Bianchi per la Croce Rossa che fornirà il supporto logistico e i mezzi tecnici necessari alle manifestazioni, il dottor Guido Garzena di Areu 118 che affiancherà la “Binda” nella stesura dei piani di emergenza sanitari e il dottor Carlo Guardascione, responsabile dello staff sanitario della società ciclistica ma anche medico di vaglia nel mondo professionistico attualmente a capo dello staff della Bahrain-Merida, la squadra di Vincenzo Nibali.

A livello sportivo, il cosiddetto “Progetto Binda 2019” non è ancora stato presentato in via ufficiale, ma di certo comprenderà i due maggiori appuntamenti che gravitano su Varese e cioè la 99a edizione della Tre Valli Varesine in programma martedì 8 ottobre e la 4a edizione della Gran Fondo Tre Valli che precederà di alcuni giorni la gara “pro”, andando quindi in scena sabato 5 e domenica 6 ottobre (rispettivamente con prova a cronometro e in linea). Lo scorso anno, quando la “Binda” portò in città anche il Mondiale di Gran Fondo Uci, furono complessivamente 6mila i ciclisti iscritti alle varie manifestazioni messe in atto dal club del presidente Renzo Oldani, in rappresentanza di 61 Paesi.

A dare il benestare all’accordo relativo alle gare ciclistiche anche la politica attraverso Emanuele Monti, il varesino che è anche presidente della III Commissione sanità e politiche sociali di Regione Lombardia: «La collaborazione tra la”Binda”, CRI Varese e Areu 112 è un esempio di sinergia virtuosa che garantirà maggiore sicurezza e tutela della salute nel corso delle gare sportive. Il principio di fare rete tra le più importanti realtà del territorio rappresenta un modus operandi che come Commissione auspichiamo e incentiviamo».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 marzo 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore