Dall’olio all’illuminazione: nuovi sponsor per la Pallacanestro Varese

Annunciato l'accordo con la Fratelli Carli, ma anche la TCI di Saronno e l'Agricola del Lago sono entrate in questi giorni a far parte del pool di sostenitori della società biancorossa

aleksa avramovic pallacanestro varese openjobmetis sponsor tci

La ricerca di risorse finanziarie non si ferma mai in una realtà come la Pallacanestro Varese, che oltre allo sponsor principale – Openjobmetis – e a quelli che compaiono sulle divise dei giocatori (Cimberio, Autotorino, Brother, Tigros) è sostenuta da una lunga serie di marchi e aziende che contribuiscono a formare il budget stagionale di una società che, è bene ricordarlo, non ha una proprietà unica che può permettersi di aprire i cordoni della borsa in caso di bisogno.

Ecco quindi che l’arrivo di nuovi sostenitori commerciali non può che essere visto con favore, e sotto questo profilo la “raccolta” condotta dalla società – a partire dall’ufficio marketing diretto da Marco Zamberletti – nelle ultime settimane è stata piuttosto proficua. È di oggi ad esempio la comunicazione ufficiale dell’ingresso della “Fratelli Carli” all’interno del pool di sponsor: l’azienda ligure (ha sede a Imperia) famosa per le vendite di olii di oliva e conserve porta a porta (utilizza 140 automezzi che consegnano a domicilio a un milione di clienti nel mondo) ha aperto alcuni mesi fa uno dei suoi “Empori” anche a Varese e ha scelto la squadra di basket cittadina per veicolare il proprio marchio. «Siamo stati partner di diverse federazioni sportive negli scorsi anni, oggi torniamo in campo con una squadra tra le più prestigiose del basket italiano» ha detto Claudia Carli, componente della famiglia che dal 1911 è protagonista sul mercato. L’accordo in questo senso è annuale, quindi copre l’intero 2019 e si spalma su due stagioni sportive, sempre con la possibilità di un prolungamento.

Quello di Fratelli Carli però non è il solo ingresso nel gruppo degli sponsor: un altro marchio che si è recentemente avvicinato a Pallacanestro Varese è la “TCI”, sigla che sta per TeleComunicazioni Italia e che fa capo a Gianfranco Librandi, imprenditore di Saronno che è anche un politico piuttosto noto (ora è parlamentare del Partito Democratico). La TCI è attiva nel campo dei componenti per illuminazione (a led, in particolare), ha oltre 300 dipendenti e un fatturato annuo – stando al sito ufficiale – superiore ai 200 milioni di euro. Per scelta dell’azienda (inserita tra i Top Sponsor, quelli con contributo più elevato) il logo non comparirà sulle divise di gioco ma – come si vede nella foto in alto – campeggerà in molte posizioni all’interno della Enerxenia Arena di Masnago. Tra l’altro, nelle scorse stagioni, TCI ha sostenuto un’altra realtà sportiva della provincia, la Caronnese calcio che da tempo disputa il campionato di Serie D.

Ma come detto, i movimenti sono molti: se di recente anche un marchio come “Depot” ha firmato un accordo con la società di piazza Montegrappa, un’altra nota realtà cittadina ha fatto lo stesso. Si tratta della “Agricola Home&Garden”, grande punto vendita che sorge all’inizio della salita dei Ronchi, all’interno della quale i giocatori della Openjobmetis hanno appena effettuato un servizio fotografico.

 

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 12 marzo 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore