Detenuti e cittadini fianco a fianco sul palco: lo spettacolo al Sociale

Dopo le cene in carcere, torna l’appuntamento a teatro. Mercoledì 10 aprile alle 21.00 il gruppo “Contaminati” promosso dall’associazione Oblò lo spettacolo “Ginestre”

teatro carcere busto arsizio

Dopo le cene in carcere, arriva l’appuntamento a teatro fuori dal carcere. Mercoledì 10 aprile alle 21.00 al Teatro Sociale di Busto Arsizio la nuova produzione della compagnia di attori detenuti del carcere di via per Cassano dal titolo “Ginestre”. Lo spettacolo è realizzato in collaborazione con la Direzione della Casa Circondariale, del direttore Orazio Sorrentini, dell’Area Educativa dell’Istituto. L’iniziativa è realizzata con il sostegno dell’Assessorato ai Servizi Sociali della Città di Busto grazie al sostegno dell’assessore Miriam Arabini.

Ginestre, che si ispira al libro “Essere Esseri Umani” di M. Zighetti, vedrà insieme sul palco un gruppo eterogeneo di attori detenuti e liberi, con la partecipazione del coro Macramè diretto dal M° Marco Belcastro. Documenteranno l’evento gli studenti dell’Istituto Cinematografico M. Antonioni di Busto Arsizio.

Sotto la guida della regista Elisa Carnelli, il gruppo “Contaminati” (attori detenuti e liberi cittadini che recitano fianco a fianco) ha messo in campo la propria umanità per svelarsi e svelare con coraggio le dimensioni del nostro essere. Storie del proprio passato ed aspirazioni per il futuro, dal coltello che un bimbo di 7 anni lancia alla propria madre, al proclama “sono nato criminale ma non morirò criminale”. Scorci di storie commuoventi ed intense, raccontate con immagini che cercano il simbolico. ((Foto di Michela Chimenti)

Lo spettacolo e l’attività teatrale all’interno dell’istituto sono promossi dall’associazione di Promozione Sociale L’Oblò Onlus Liberi Dentro, costituita nel 2016, nasce dall’esperienza dei suoi fondatori fra carcere, teatro e scuola. Nella primavera del 2017 ha lanciato l’esperimento di Contami-azioni, una serie di laboratori espressivi per persone libere e diversamente libere che si sono svolti nella casa circondariale di Busto sotto la guida di professionisti esperti in vari settori (scrittura drammaturgica, vocalità espressiva, danza e movimento). Tutti i sabati mattina, per un anno, un gruppo di una decina di appassionati di teatro è entrato in carcere ed ha lavorato lavorato fianco a fianco con gli attori detenuti nella creazione dello spettacolo Ginestre, il nuovo spettacolo teatrale della compagnia L’Oblò.

«Un ringraziamento speciale – ci tengono a sottolineare dall’associazione – al sostegno ricevuto dai Magistrati che Sorveglianza, che credendo nel valore educativo e risocializzante dell’esperienza teatrale, hanno concesso i permessi speciali di uscita ai detenuti attori».

LO SPETTACOLO

QUANDO? Mercoledì 10 aprile, Ingresso ore 20.30, inizio ore 21.
DOVE? Al Teatro Sociale di Busto Arsizio, via D. Alighieri 20.
E PER I POSTI? Direttamente la sera dello spettacolo previa donazione (donazione minima suggerita €12) o prenotando in anticipo alla mail: obloteatro@gmail.com
PER INFO: obloteatro@gmail.com, 3403336318 – FB Associazione Oblò Liberi dentro
Il ricavato dell’evento sosterrà le attività artistiche e di risocializzazione dell’Ass. Oblò nel carcere di Busto.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 marzo 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore