Fontana dà garanzie sulle viabilità per l’ospedale unico. “Vale un accordo scritto”

Dopo gli attriti di settimana scorsa, il presidente della Regione ha incontrato il sindaco di Gallarate Cassani. Che in commissione si dice convinto e insieme al DG dell'ospedale rilancia

gallarate generico

Dopo il grande freddo di settimana scorsa, scoppia la pace sull’ospedale unico. Usare la parola pace è forse eccessivo, perché di certo non c’era una guerra, ma tra il sindaco di Gallarate Andrea Cassani e Regione Lombardia ritorna la consueta unità di vedute, sull’ospedale unico Gallarate-Busto.

Il nodo era quello della viabilità, con Cassani che chiedeva il prolungamento – almeno – di una strada fino all’area del futuro ospedale, a carico della Regione. Una certa prudenza dell’assessore Giulio Gallera (Forza Italia) aveva aperto, se non lo scontro, un animatio confronto. Durato in realtà solo qualche giorno: «Venerdì ho sentito Fontana, che da sindaco di tutti i lombardi mi ha garantito assoluta attenzione ai problemi di viabilità e accesso alla nuova struttura» rassicura il sindaco Cassani, intervenuto in commissione sanità a Gallarate (presenti anche i vertici dell’Asst Valle Olona e il consigliere regionale Pd Samuele Astuti).

«La parola di Fontana per me vale come un accordo scritto, mi basta come rassicurazione. Da sindaco sa le problematiche della viabilità» assicura Cassani, che ringrazia anche il collega di partito Emanuele Monti, consigliere regionale presidente della commissione Sanità. Disinnescato lo scontro sulla viabilità con il forzista Gallera, a questo punto si riaprono gli altri capitoli: le esigenze sanitarie vere e proprie (che saranno trasmesse dall’Asst guidata da Eugenio Porfidio) e il futuro urbanistico delle grandi aree centrali occupate dal Sant’Antonio Abate a Gallarate e dall’ospedale di Circolo di Busto. Una partita – la seconda – che toccherà da vicino i Comuni: solo una piccola parte degli edifici e delle aree manterranno la funzione sanitaria.

In commissione, in ogni caso, sindaco e dirigenti ospedalieri hanno ribadito la visione verso l’ospedale unico, considerato unica prospettiva per il futuro degli ospedali dell’area. Del resto Cassani era stato chiaro: nessun dubbio sulla necessità della nuova struttura, i dubbi erano solo sulla viabilità (e sui soldi da metterci).

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 19 marzo 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore