La pediatria ha un nuovo amico: la Coop adotta la stanza dei pittori

Manca ormai un ultimo amico e poi tutte le camere della pediatria del nuovo padiglione Michelangelo hanno un sostenitore. L'opera di sostegno avviata dalla Fondazione Il Ponte del Sorriso è quasi ultimata

camera dei pittori

Tutte vendute. O meglio, regalate. Associazioni, onlus , aziende: sono tanti gli enti che hanno adottato una stanza nella nuova pediatria del padiglione Michelangelo all’ospedale Del Ponte.

Sono tanti gli amici che hanno voluto dimostrare attaccamento a un reparto, reso colorato e accogliente dall’impegno della Fondazione Il Ponte del Sorriso con l’iniziativa “Adotta una stanza”.

Questa mattina è stata posta la sponsorizzazione alla camera dei pittori, un ambiente dipinto come una tavolozza allegra e gioiosa. Ad adottare la stanza è stata Coop Lombardia che ha così dimostrato l’attaccamento dei suoi soci varesini: “ Coop Lombardia ha 770.000 associati – ha spiegato Ettore Terribili  assistente Direzione Soci e Comunicazione – sono loro a decidere come investire sul territorio. Quando abbiamo valutato quali iniziative sostenere, non ci sono stati dubbi.  Il Ponte del Sorriso ci ha subito affascinato e ci ha dato l’opportunità di essere vicino ai nostri principi che sono la solidarietà, l’assistenzialismo e portare aiuto ai bambini e alle loro famiglie. Quello che ci ha anche colpito è la relazione che si crea tra volontari e famiglie, anche tra quelle più lontane che vengono ospitate alla Casa del Sorriso. Questo ospedale rappresenta il bello con dietro la sostanza, che lo rende poi un’eccellenza nazionale.Così abbiamo accolto l’iniziativa in favore della pediatria inserendo anche la Fondazione nella nostra raccolta punti”.

coop adotta una stanza

Il direttore socio sanitario Alessandro Mazzoleni ha ringraziato a nome dell’Asst Sette Laghi per l’importante e concreta dimostrazione  di attaccamento al territorio. Parole di gratitudine sono poi state espresse anche dal professor Massimo Agosti, direttore del Dipartimento Materno Infantile e dalla dottoressa Anna Iadini direttore del presidio ospedaliero. Emanuela Crivellaro ha ribadito l’impegno della Fondazione che si prende cura del benessere psicologico dei piccoli pazienti che ricevono le migliori cure mediche senza dimenticare la loro naturale voglia di normalità e serenità.
Tutte le stanze della pediatria hanno ora uno sponsor. Tranne la mongolfiera che ancora attende il benefattore che vorrà salire a bordo. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 maggio 2019
Leggi i commenti

Foto

La pediatria ha un nuovo amico: la Coop adotta la stanza dei pittori 2 di 2

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore