Prorogata la mostra del National Geographic sui cambiamenti climatici

Quasi 300 foto in mostra al Museo di Storia Naturale in un percorso interattivo adatto anche ai bambini di 6 anni su cause ed effetti del riscaldamento globale

foto di Brian J. Skerry per National Geographic

Prorogata fino al 9 giugno la mostra mostra “Capire il cambiamento climatico”, promossa e prodotta dal Museo di Storia Naturale di Milano in collaborazione con la National Geographic Society e la direzione scientifica di Luca Mercalli, presidente Società Meteorologica Italiana.
Sono quasi 300 gli scatti che mostrano da un lato la bellezza e le meraviglie della natura e dall’altro le catastrofi ambientali. Come il lago Poopo prosciutagosi in Bolivia nel 2015 o il ghiacciaio Bridge, in Canada, ritiratosi di tre chilometri in 12 anni. Lo scioglimento dei ghiacci, la deforestazione o manifestazioni metereologiche estreme sempre più frequenti e diffuse sono raccontate chiaramente dalle immagini per sensibilizzare i visitatori su quali sono le cause e gli effetti futuri del riscaldamento globale.

Galleria fotografica

Capire il cambiamento climatico 4 di 6

Il percorso, consigliato anche per i bambini a partire dai 6 anni, è arricchito dalle tecnologie digitali immersive e interattive che permettono ai visitatori di ogni età di sentirsi “dentro” la natura che cambia.
La mostra si chiude con suggerimenti utili e consigli pratici da mettere in pratica nella vita di ogni giorno per contribuire ciascuno a ridurre il devastante impatto del nostro stile di vita sulla natura.

Il Museo di Storia Naturale è in corso Venezia 55, a Milano.
La mostra è  visitabile dal martedì alla domenica dalle ore 9 alle 17.30, fino al 9 giugno.
Per maggiori informazioni info@natgeoexperience.com oppure 02.88463337.

di
Pubblicato il 24 maggio 2019
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Capire il cambiamento climatico 4 di 6

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore