Vallerani confermato alla presidenza del Lombardia Aerospace cluster

Rinnovato il mandato al presidente uscente per il triennio 2019-2021. Eletto anche il nuovo consiglio direttivo

Lombardia aerospace cluster

Angelo Vallerani è stato confermato alla presidenza del Lombardia Aerospace Cluster per il triennio 2019-2021. Vallerani è un manager di OHB Italia, azienda di Milano operante nel comparto dei satelliti e dei payloads scientifici, si è laureato in ingegneria elettronica al Politecnico di Torino.

A rinnovare il suo mandato è stato il nuovo consiglio direttivo, nella riunione di insediamento. «Tre anni fa il mio mandato iniziava con un obiettivo: permettere alle piccole e medie imprese di potersi presentare con le proprie forze di fronte ai più importanti big player mondiali del settore. La mission non è cambiata – commenta il presidente del Lombardia Aerospace Cluster -. Il lavoro fatto fin qui, insieme a tutto il consiglio direttivo, è servito ad accompagnare le Pmi sui mercati internazionali. C’è ancora molto da fare, vista l’importanza del nostro Cluster, quello lombardo dell’industria aerospaziale, che da solo realizza un terzo di tutto l’export nazionale del settore. È esattamente sull’internazionalizzazione da un lato e sul rafforzamento competitivo del processo di innovazione e di qualificazione delle imprese dall’altro che si concentrerà, anche nei prossimi anni, la nostra azione, incrementando altresì le sinergie con il campione nazionale, Leonardo, presente in maniera significativa sul territorio. Dobbiamo tornare ad investire sul nostro territorio, lavorando all’interno del sistema Italia e aiutandolo anche con  azioni Goverment2Goverment per rafforzare la propria presenza internazionale all’interno di un settore strategico come quello aerospaziale. Uno sforzo di rinnovamento che tutto il sistema, università, centri di ricerca ed imprese comprese, stanno portando avanti ormai da tempo. C’è aria di cambiamento, ma siamo pronti ad affrontarlo. Con la flessibilità e la resilienza che contraddistingue il comparto aerospaziale».

La prima occasione per centrare questo obiettivo sarà la missione in Polonia, organizzata a fine maggio, per incontrare il Lower Silesian Aviation Cluster. Seguirà l’atteso appuntamento con il salone di Le Bourget di Parigi, la principale manifestazione internazionale di settore a cui partecipano i più importanti player internazionali. Nel mese di giugno saranno 16 le imprese che prenderanno parte all’appuntamento con il Lombardia Aerospace Cluster. Tra agosto e settembre, poi, 12 aziende saranno presenti al salone russo Maks di Mosca, per la prima azione del Cluster di esplorazione del mercato russo. Altro importante appuntamento in calendario per il 2019 è l’Aerospace & Defence Meetings di Torino, unica fiera b2b in Italia dedicata al settore, organizzata a novembre. E a chiusura di un così denso 2019 si sta programmando anche un incontro Cluster2Cluster nel Baden-Württemberg insieme allo Swiss Aerospace Cluster, già visitato lo scorso anno.

I membri nel nuovo consiglio direttivo sono: Tiziana Mantovani (Aerea spa), Fabrizio Fin (Leonardo spa divisione elicotteri), Carmine Orsi (Leonardo spa divisione velivoli), Bruno Maria Frigerio (Leonardo spa), Angelo Vallerani (OHB Italia spa), Riccardo Mona (Secondo Mona spa), Marco De Battista (Unione degli industriali della Provincia di Varese), Carmelo Cosentino (ASE spa), Sabrina Merletti (Merletti srl), Umberto Di Capua (Elettronica Aster spa), Sabrina Salomone (Italiana Ponti Radio srl), Massimo Maronati (E-level Communication sSrl), Ivano Soliani (Soliani EMC srl), Giuseppe Sala (Politecnico di Milano), Giovanni Pareschi (Inaf – Osservatorio Astronomico di Brera).

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 maggio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore