245 anni di Guardia di Finanza: “Contro i furbetti per difendere gli onesti”

Guardia di Finanza in festa per l'anniversario della fondazione del corpo. Il generale Lainati: "la tassazione è il contributo del singolo per il bene comune, contrapposto al furbetto che lo sottrae al nostro futuro"

guardia di finanza varese

È una festa, sobria ma significativa. La Guardia di Finanza compie infatti 245 anni e nella nuova sede di Varese davanti ad autorità civili e militari si è festeggiato il corpo che «tutela le legalità e gli operatori economici onesti». È infatti con queste parole che il Generale Marco Lainati ha voluto iniziare il suo discorso per ripercorrere gli ultimi mesi di attività del corpo.

Tra gennaio 2018 e maggio 2019 le fiamme gialle della nostra provincia hanno effettuato oltre 27.000 interventi ispettivi e più di mille indagini (leggi qui tutti i numeri), ma non è su questi numeri che Lainati si concentra. «Noi lavoriamo in un contesto in costante evoluzione -spiega il Generale- e in questi 245 anni le sfide si sono fatte sempre più complesse e articolate». Ciò che non è mai cambiato da due secoli e mezzo a questa parte è che «le imprese disoneste fanno concorrenza sleale a quelle oneste e alterano il mercato» e quindi ora come sempre «noi oggi siamo a testimoniare la nostra assoluta determinazione nel perseguirle».

In questo senso però le sfide continuano a cambiare e «alla penetrazione della criminalità organizzata nell’economia oggi si aggiunge l’aggressività di economie estere in un mercato, il nostro, che non è preparato». Una concorrenza che danneggia sia nel breve che nel lungo periodo «erodendo progressive quote di commercio alle nostre imprese oneste» e che la Guardia di Finanza persegue in ogni modo: dai controlli a Malpensa o ai confini Svizzeri contro l’importazione di valute fino agli evasori totali o ai più disparati truffatori.

Tutte le operazioni della Guardia di Finanza nell’ultimo anno e mezzo

Un lavoro, quello della Guardia di Finanza, che non riguarda solo la repressione ma che punta molto anche sull’aspetto culturale. La missione delle fiamme gialle ha anche l’obiettivo di far capire che la tassazione «è il contributo del singolo per il bene comune, contrapposto al furbetto che lo sottrae al nostro futuro» e che la lotta al corretto versamento e utilizzo delle risorse altro non è che un modo per «assicurare il futuro alle giovani generazioni».

di marco.corso@varesenews.it
Pubblicato il 24 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore