Cause, effetti e soluzioni yoga per lo stress in azienda

I Consulenti del Lavoro di Varese affrontano il tema in due incontri, venerdì 21 giugno, con la parte teorica affidata al medico Riccardo Forlani e quella pratica all'istruttrice di yoga Laura Dajelli

lavoro

Non servono tappetini né abiti sportivi per sperimentare i benefici dello yoga sul posto di lavoro. Lo dimostreranno gli incontri proposti dall’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Varese in occasione del Festival del lavoro come contributo a sviluppare nuove pratiche di welfare aziendale.
«Troppo spesso ci dimentichiamo che welfare significa innanzi tutto benessere, un benessere che è anche fisico, perché di natura fisica sono alcuni problemi generati dalla postura o dallo stress sul posto di lavoro. Conoscere nel dettaglio le conseguenze di questi fattori sul nostro corpo aiuta a gestire meglio il problema», spiega Vera Stigliano, presidente dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Varese.

“Stress in azienda: cause, effetti e soluzioni. L’importanza di ristabilire equilibri perduti” è il titolo dell’incontro in programma venerdì 21 giugno alle ore 15 nel”Laboratorio delle idee” del Mi.Co. di cui sarà relatore Riccardo Forlani, medico chirurgo con studio a Legnano, esperto in omeopatia, omotossicologia, fitoterapia clinica e medicina bioelettronica: «Il lavoro è uno dei tanti fattori capaci di generare stress – spiega Forlani – cercherò di spiegare cosa significa del punto di vista medico lo stress, e quali sono le risorse che corpo e cervello possono attivare per contenere e limitarne gli effetti negativi».
L’idea è che essere più consapevoli di questi meccanismi sia il primo passo per risolvere il problema.

Un secondo passo utile può essere quello di mettere in pratica semplici esercizi di allungamento e concentrazione, come proposto da Laura Dajelli nell’incontro immediatamente successivo (sempre venerdì 21 nel Laboratorio delle idee, ma alle ore 16) e intitolato “Well-being: qualcosa che può essere provato concretamente anche in azienda”. La fondatrice della Scuola di yoga Rhamni di Gallarate proporrà ai partecipanti semplici ma efficaci esercizi di movimento da praticare anche in ufficio, tra sedia e scrivania, per trovare benefici immediati e soprattutto prevenire l’accumulo fisico dello stress.
«Tipicamente segretarie, professionisti, manager o chiunque lavori in ufficio tende a sviluppare e cronicizzare mal di testa, dolore al collo, ai polsi o nella zona lombare – spiega l’istruttrice – ma semplici esercizi di allungamento e respirazione, da ripetere una volta ogni ora, aiutano concretamente il benessere del fisico e quindi anche quello della mente, e la resa sul lavoro». L’incontro si concluderà con un Prana Yama (esercizio di respirazione) e con un esercizio di concentrazione «in cui chiederò di visualizzare una montagna, solida e stabile, anche sotto le intemperie, aiuta a ritrovare serenità e a sentirsi centrati».

Sempre proiettati al futuro, i Consulenti del Lavoro di Varese portano lo yoga nel Laboratorio delle idee del Festival, dove lo scorso anno avevano proposto due incontri su etica e neuroscienze nei rapporti di lavoro.
Altro contributo dell’ente a questa 10^ edizione del Festival del Lavoro, è l’incontro con il professor Andrea Venegoni, docente di macroeconomia alla LIUC – Università Cattaneo e in Università Bocconi, che farà il punto sul circuito virtuoso che parte dallo Sviluppo produttivo, genera ricchezza e “attiva talenti e cervelli” (venerdì 21 giugno alle ore 12).

Per maggiori informazioni sulla manifestazione, al Mi.Co dal 20 al 23 giugno per tre giorni di dibattiti e confronti sull’attualità e prospettive del mondo del lavoro tra innovazione, diritti e crescita www.festivaldellavoro.it. Al Festival possono partecipare gratuitamente manager, professionisti, dipendenti e tutti i cittadini interessati iscrivendosi a questo link: www.festivaldellavoro.it/iscrizione/.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore