Il fascino di Italia-Brasile: le azzurre cercano il primato del girone

Martedì 18 alle 21 la squadra della CT Bertolini sfida le sudamericane e può garantirsi il primo posto. Ma le verdeoro devono dare una scossa al proprio mondiale

italia femminile getty images

Dopo due partite su tre della fase a gironi dei mondiali femminili, l’Italia di Milena Bertolini (foto Getty) si trova sola in testa al gruppo C con 6 punti in classifica, temporaneamente davanti a Giamaica, Australia e Brasile. Proprio quest’ultimo sarà il prossimo avversario delle azzurre per la terza ed ultima partita della fase a gironi che si terrà venerdì 18 giugno alle ore 21, presso lo Stade de Hainaut di Valenciennes, stessa sede della partita d’esordio contro l’Australia.

Con le Azzurre che arrivano da due folgoranti vittorie, e con le Canarinhas brasiliane reduci da una vittoria contro la Giamaica e da una sconfitta rimediata contro l’Australia, lo scenario attuale in cui si inserisce Italia-Brasile sembra davvero incerto e aperto a qualsiasi risultato: un’Italia umile ma involata sulle ali dell’entusiasmo incontrerà un Brasile cosciente delle proprie qualità ma provato da risultati insoddisfacenti, oltretutto senza una aritmetica certezza di accesso agli ottavi di finale.

La nostra nazionale si troverà dunque a giocare la partita decisiva per la conformazione del girone, con in mano la virtuale qualificazione al turno successivo che sarà tuttavia fortemente influenzato dal piazzamento finale delle azzurre, dato che un eventuale ripescaggio come migliore terza significherebbe incontrare una big di prima fascia agli ottavi.

La dinamicità tattica dell’Italia femminile ha dato prova di costituire un’arma infallibile fino a questo momento, dotando la CT Bertolini di diversi modi in cui affrontare le partite, con la possibilità di cambiare modulo anche a gara in corso, costringendo l’avversario a perdere i punti di riferimento fino a quel momento acquisiti.

IL PUNTO SU VALE

Per la varesotta e rossonera Valentina Bergamaschi si prospetta dunque un altro possibile punto interrogativo in merito alla posizione in campo: dopo aver ricoperto sia posizioni avanzate sia arretrate, e avendo contribuito a proprio modo ad entrambe le vittorie delle Azzurre, la sua collocazione potrebbe variare in base all’approccio che la squadra dovrà impiegare in campo, affrontando il 4-4-2 brasiliano. Difficile privarsi della velocità e della dinamicità della numero 2 azzurra, pedina ormai fondamentale ed instancabile della nazionale.

Un maxischermo in oratorio per tifare Valentina e le Azzurre

di
Pubblicato il 17 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore