“Grazie ai 24mila donatori del Varesotto e a chi vorrà unirsi”

Il ringraziamento arriva in occasione del 14 giugno, Giornata Mondiale del Donatore di Sangue voluta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Nel 2020 sarà l’Italia a ospitare l’evento globale di questa ricorrenza. Nel 2018 diminuiti i donatori in provincia

giornata mondiale dei donatori di sangue

Si celebra venerdì 14 giugno la Giornata Mondiale del Donatore di Sangue, istituita nel 2004 dall’Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità): un’occasione importante per dire grazie a tutti i donatori e per ribadire concetti fondamentali che rendono questo tipo di dono così importante.
Domani, inoltre, avverrà il “passaggio di consegne” con la cerimonia dello scambio delle bandiere tra lo Stato che ospita quest’anno l’evento globale dalla Giornata Mondiale, il Ruanda, e lo Stato che lo ospiterà il prossimo anno, ovvero l’Italia che ha visto accolta la sua candidatura per il 2020.

Mentre su tutto il territorio della provincia di Varese si stanno susseguendo manifestazioni ed eventi organizzati dalle Avis Comunali per celebrare questa giornata, Avis Provinciale Varese, organizzazione di coordinamento delle 43 Avis Comunali presenti sul nostro territorio, coglie l’occasione per scattare una fotografia: i donatori in provincia di Varese sono oltre 24 mila, un numero importante anche se tra il 2017 e il 2018 sono diminuiti di quasi 400 unità; gli uomini sono in generale più numerosi delle donne che però risultano in maggioranza nella fasce di età più giovani.

«Il dato del calo dei donatori – dice il presidente di Avis Provinciale Varese, Gianpiero Badanai – pur non creando allarmismi, ci impone di fare ancora una volta un appello a tutti coloro i quali non stanno ancora donando, pur potendolo fare: il fabbisogno di sangue continua a crescere e non vi è altro modo di rispondere se non con la donazione volontaria periodica e programmata. Si tratta di un gesto semplice e che non richiede un eccessivo impegno in termini di tempo, ma ha un grandissimo valore». L’appello è rivolto a chiunque abbia compiuto 18 anni di età e fino ai 60 anni (in alcuni casi si può andare anche oltre questo limite), a condizione di un peso corporeo superiore ai 50 chili e buone condizioni di salute. Sono infatti queste le premesse per poter cominciare l’iter di verifica della idoneità a donare.

La giornata di quest’anno mette al centro il tema della sicurezza delle terapie trasfusionali, tradotta attraverso lo slogan “Safe blood for all” (sangue sicuro per tutti): obiettivo che può essere raggiunto tramite la donazione volontaria e soprattutto periodica così da garantire l’autosufficienza. La Giornata mondiale del donatore di sangue è anche occasione per ribadire alcuni messaggi chiave che sottolineano il bisogno di sangue ed emocomponenti, come risposta a malattie che possono essere letali: una risposta che deve essere fornita in quanto la salute è un diritto fondamentale. Vale la pena ricordare che il sangue serve per diverse situazioni che, solo per fare alcuni esempio, vanno dalla gravidanza ai bambini con gravi forme di anemia, fino alle situazioni di emergenza e ai pazienti in attesa di intervento chirurgico.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore