Torna il LatinFiexpo: “Musica e cibo, sarà l’edizione più ricca di sempre”

Il LatinFiexpo torna dal 13 giugno per una festa lunga tutta l'estate: "Quest'anno la festa sarà ancora più aperta a tutti"

latinfiexpo

Sono già al lavoro gli operai che devono trasformare MalpensaFiere in un piccolo angolo di Sud America. Il LatinFiexpo è infatti pronto a tornare per una festa lunga tutta l’estate e per l’apertura ufficiale è iniziato il conto alla rovescia: 13 giugno, giovedì prossimo. «Stiamo lavorando per un’edizione che sarà ricchissima di novità -spiega Felice di Meo, l’organizzatore della rassegna giunta alla quinta edizione- con ancora più musica, cibo e attività per ogni età».

La ricetta del LatinFiexpo è ormai rodata e vincente: da un lato il ballo con tanti generi diversi e dall’altro l’esperienza della vita nei paesi latini tra cibo, bevande e artigianato. Saranno ben 7 le aree da ballo presenti a MalpensaFiere: “Cuba” per danzare Reggaetón e Salsa cubana; “Santo Domingo” per gli appassionati di Bachata dominicana e Merengue; il “Salsodromo bay Sueño Gallarate” per chi ama la Salsa Portoricana, Colombiana, Cubana e tutto il latino a 360°; L’area “Sensual” che ospiterà gli appassionati di Bachata Sensual e Salsa Romantica ed un’area apposita sarà dedicata alla Kizomba. Novità di quest’anno sarà poi l’area Mix Dance dove le melodie del liscio incontrano quelle della danza caraibica. «Abbiamo deciso questa novità perchè abbiamo avuto moltissime richieste in merito -dice Di Meo- e alla fine ci siamo accorti che queste musicalità non sono molto distanti».

C’è poi tutta l’offerta gastronomica. Sono ben 8 i punti food che offre il LatinFiexpo a partire dal caratteristico ristorante Argentino che proporrà ottime specialità di carne alla griglia fino all’immancabile il ristorante Brasiliano dove sarà possibile provare la gustosa picanha, carne di manzo cucinata al churrasco (la tipica “spada brasiliana”) e la classica feijoada, piatto tipico a base di riso e fagioli neri con aggiunta di carne di maiale o di manzo. E poi ci saranno le aree degustazioni dei diversi Paesi dell’America Latina: Santo Domingo, dove provare il croccantissimopica pollo”, pollo fritto e infarinato, Messico con il classico burrito, tacos e i nachos al guacamole e Uruguay con il Chivito, il tradizionale panino uruguayano. New entry di questa edizione le degustazioni Cubana, Venezuelana e Cilena. E per un tocco di dolcezza, da non perdere i golosissimi Churros, il Choco-kebab preparato con una crema speciale al caramello e il famoso platano al cioccolato.

«Quest’anno poi vogliamo essere ancora più aperti e accessibili a tutti -continua Di Meo- e abbiamo previsto l’ingresso sempre gratuito per bambini e disabili, biglietto a 2 euro per gli over 65, mentre la domenica ci saranno tariffe a 2,50 per le famiglie e per i residenti di Busto Arsizio» mentre il biglietto ordinario «non si discosterà di molto da quello dell’anno scorso». Un LatinFiexpo che sarà ancora più a misura di famiglie «con una rinnovata area bimbi, per far passare ai genitori serate spensierate».

latinfiexpo 2019

Un evento che nelle sue passate edizioni ha portato a Busto Arsizio un totale di oltre 800.000 persone e che proprio per questo è salutato con entusiasmo dall’assessore al marketing territoriale, Paola Magugliani. «L’estate è ricominciata e qui arrivano persone da molto lontano, una grande opportunità per la nostra città». Ma oltre all’aspetto ludico, c’è anche quello economico. Non solo con gli addetti diretti del Festival -si parla di circa 200 persone- ma anche con i lavoratori socialmente utili del comune. «L’anno scorso abbiamo calcolato che queste persone in difficoltà hanno lavorato per un totale di 7.000 ore -spiega Bruno Ceccuzzi, Presidente del Distretto del Commercio (la realtà che coordina queste figure, ndr)- ed è un qualcosa di molto importante per loro».

Tutto è quindi pronto per la grande inaugurazione del 13 giugno per una festa che durerà 70 giorni e che accompagnerà le notti estive fino al 31 agosto (lunedì esclusi). Per tutte le info www.latinfiexpo.com

di marco.corso@varesenews.it
Pubblicato il 04 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore