Un anno di amministrazione Rosa, il centrodestra attacca: “Una paralisi del presente”

L'accusa: solo ordinaria manutenzione e poca progettualità. "Sant'Antonino dimenticata come al solito?"

Consiglio comunale Lonate Pozzolo 2018

Una «paralisi del presente». È il giudizio che il Centrodestra per Lonate dà di un anno di nuova amministrazione a Lonate Pozzolo, con la giunta di Nadia Rosa.

«La forte attenzione ai lavori pubblici appare molto come un normale elenco d’opere d’ordinaria manutenzione comunale» dicono dalle file del centrodestra, ricordando la protesta plateale in consiglio comunale. Quando i consiglieri si alzarono «per non partecipare a questa mancanza di visione futura e scarsità di idee che attanaglia il piano triennale delle opere pubbliche», in cui «non vengono affrontati i nodi più importanti, uno su tutti il centro sportivo (prima o poi lo faremo è stata grosso modo la risposta dell’assessore in merito), ma si potrebbero fare molti altri esempi».

«Si vede proprio in questo campo come l’amministrazione attuale e la sua “Rottura con il passato” porti avanti progetti già approvati precedentemente o li completa maldestramente e parzialmente» dicono dalle file dell’opposizione. Citano i casi della rotonda di via Goldoni («già pronta da anni e poi riapprovata da questa amministrazione, inspiegabilmente, senza la necessaria conformità urbanistica»), il bando LUMEN per l’illuminazione pubblica a Led,  le riqualificazioni delle scuole e delle palestre, «tutti progetti presentati nel lontano 2017». O ancora il sacco tracciato, che secondo il centrodestra è stato attuato «dietro nostro preciso sollecito».

Nadia Rosa e il primo anno da sindaco. “Contenti di aver portato molti a partecipare”

«Insomma tutto questo dimostra a nostro avviso una paralisi del presente. Infine il grande elogio al rilancio, alla rinascita di Tornavento, avviene per mezzo di un parcheggio posizionato al di fuori di qualsiasi mobilità lenta e slegato da qualsiasi reale utilizzo (è urbanisticamente legittima la realizzazione in quell’area? Non vi erano altre alternative?). E meno male che si legge “ma c’è anche il resto”, cosa? Si allude forse a Lonate Pozzolo e la Fontana di piazza Sant’Ambrogio, la cui sistemazione è stata accelerata dopo che, grazie ad una segnalazione, l’amministrazione si è accorta che vi era dentro la vasca vuota anche una bicicletta! E il povero Sant’Antonino? Dimenticato come al solito? Vorremmo che l’amministrazione si concentrasse su cose più concrete ed importanti, anziché farsi prendere dall’ansia d’apparire, pubblicando queste improbabili liste della spesa. Per dirla in parole povere ci sembra che non vi sia nulla di nuovo, “tanto fumo e niente arrosto”».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore