È accusato di aver clonato carte di credito: estradato dalle Antille

Su di lui pendeva un ordine di cattura internazionale. Dopo la sua fuga, in Svizzera è cessata la manomissione degli sportelli bancomat

Polizia Cantonale

Su di lui pendeva un mandato di cattura internazionale emesso dalla magistratura ticinese.

Nei giorni scorsi, un cittadino bulgaro è stato estradato dalle Antille Olandesi per rispondere dei reati di acquisizione illecita di dati, abuso di impianto.

L’uomo, di 43 anni, aveva messo in piede un’organizzazione ben organizzata e strutturata, con diramazioni in diversi Paesi, attiva anche in Ticino. La sua identificazione è stata resa possibile dagli accertamenti scaturiti dall’attività investigativa della Polizia cantonale a seguito anche del fermo, nel maggio scorso, di un 41enne e un 34enne, entrambi cittadini bulgari residenti in Bulgaria.

Le successive e approfondite verifiche degli inquirenti hanno in particolare permesso di stabilire come il 43enne bulgaro avesse un ruolo di spicco all’interno dell’organizzazione, i cui membri partivano dalla Bulgaria e raggiungevano il territorio elvetico passando dall’Italia. Il gruppo usava autovetture staffetta e si muoveva in coppia per suddividersi ruoli, apparecchiature tecniche ed obiettivi.

Trasferitosi nelle Antille Olandesi era stato arrestato per aver replicato, insieme ad altri connazionali, una serie di reati analoghi.

Ora il 43enne si trova ora in stato di carcerazione preventiva in Ticino. La polizia cantonale fa notare come, a seguito dei primi fermi e dei successivi arresti di elementi appartenenti alla banda, in tutta la Svizzera è praticamente cessato questo tipo di manomissione ai danni degli sportelli bancomat.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 luglio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore