Pallacanestro Varese, ecco la guardia: firmato Jason Clark

Nato nel 1990, prodotto di Georgetown University, nell'ultima stagione ha giocato negli Skyliners Francoforte

jason clark

(Foto pallacanestrovarese.it)

E’ arrivata anche l’ultima pedina dello scacchiere biancorosso.

La Pallacanestro Varese ha trovato la sua guardia titolare: si tratta di Jason Clark, classe 1990, prodotto della prestigiosa università di Georgetown, 188 centimetri di altezza.

Nell’ultima stagione ha chiuso con oltre 14 punti di media il campionato giocato con i Skyliners di Francoforte, facendo bene anche nella vetrina dell’Eurocup.

Anche in questo caso di tratta di un profilo “utile” alle dinamiche della squadra. Non un bombardiere, ma un giocatore duttile che può coprire più ruoli e aiutare la squadra.

Le parole di benvenuto del general manager Andrea Conti: «Jason ha accettato con grande entusiasmo la nostra proposta tecnica e pertanto siamo contenti. Parliamo di un giocatore completo e dotato di ottime doti realizzative che ha già alle spalle ottime stagioni in Europa e che può coprire più ruoli. Siamo convinti che possa dare molto al sistema di coach Caja».

Questa la descrizione fornita dalla società:

Nato ad Arlington, in Virginia, il 16 gennaio 1990, Jason Clark si forma alla prestigiosa Università di Georgetown dove, nel suo ultimo anno, arriva a totalizzare 14 punti, 4 rimbalzi e quasi 2 assist ad allacciata di scarpe. Sfumato il sogno NBA, inizia la sua carriera in Europa giocando con la maglia dell’Okapi Aalstar, squadra con la quale disputa anche l’EuroChallenge (15.2 punti, 4.2 rimbalzi e 3 assist di media a partita). Dopo l’esperienza a Charleroi l’anno successivo, nel 2014-2015 approda in Germania dove firma un 8-week contract con Göttingen, prima di tornare ad Aalst nel novembre 2014. A dicembre dello stesso anno si trasferisce in Turchia, ad Ankara, dove si mette in mostra realizzando 22 punti, 4 rimbalzi e oltre 3 assist di media in 22 partite disputate. Clark rimane nella capitale turca anche la stagione successiva confermando le ottime cifre, ma è nel 2016-2017 che esplode definitivamente; tornato in Belgio, stavolta con la canotta di Anversa, disputa una stagione da assoluto protagonista realizzando 16 punti, 3.6 rimbalzi e 4.5 assist di media a gara, numeri che gli valgono il premio di MVP della Pro Basketball League. Veste la maglia di Anversa anche la stagione successiva prima di trasferirsi, nel 2018-2019, agli Skyliners di Francoforte; in Germania, facendo coppia con l’ex biancorosso Tyler Larson, si conferma ad ottimi livelli sia in campionato (14.5 punti e 3 assist a partita) che in EuroCup (12 punti e 3 assist a partita).

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 luglio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore