Concerti sul Monte Tamaro: domenica 25 arrivano i “Sala Singers”

Tre appuntamenti organizzati nella suggestiva cornice della chiesa Santa Maria degli Angeli

ensemble sala sisters

Nella cornice paesaggistica, che dal Monte Tamaro si affaccia sulla pianura del Piano di Magadino, e all’interno della suggestiva chiesa Santa Maria degli Angeli, prende forma un’iniziativa musicale tesa a invitare lo spettatore alla contemplazione del bello attraverso tre appuntamenti appositamente organizzati per questo particolare contesto. Un’iniziativa promossa dalla Fondazione Egidio e Mariangela Cattaneo e la Monte Tamaro finalizzata a valorizzare anche la cultura musicale ad alta quota.

Spazio quindi ad alcuni ensemble vocali che ci accompagneranno in esperienze musicali contraddistinte da epoche e stili differenti. Il primo è il comasco Gruppo Vocale della Famiglia Sala, Sala Singers, che si esibirà domenica 25 agosto con un programma che spazierà dalla Scuola fiamminga alle composizioni più moderne, senza tralasciare alcuni canti significativi appartenenti a varie tradizioni musicali, comprese quelle più recenti.

Il secondo appuntamento sarà l’8 settembre con l’ensemble elvetico Alia Monodia che ci darà testimonianza di musica medievale in veste femminile in cui la melodia e il ritmo svolgono la funzione di accentuare il testo liturgico cristiano e il suo significato. 

Il 22 settembre sarà la volta della Cappella Altoliventina che sotto la guida di Sandro Bergamo ci proporranno varie pagine vocali incastonate tra la fine del Rinascimento e il periodo del Basso Continuo, in cui emergerà un repertorio di salmi ebraici composti da Benedetto Marcello e da Salomone Rossi, intercalati da interventi strumentali affidati al liuto di Luciano Russo. I tre concerti sono a ingresso libero.

Domenica 25 agosto 2019, ore 14:30
La suggestiva chiesa Santa Maria degli Angeli ospiterà, domenica 25 agosto alle ore 14:30, i Sala Singers ossia il Gruppo Vocale della Famiglia Sala. Per l’occasione verranno presentati brani che spazieranno dalla Scuola Fiamminga come per esempio Ave Maris Stella di Guillome Dufay, alle composizioni più moderne come Northern light scritta dal giovane compositore Ola Gjeilo, passando da alcune tradizioni vocali come Greensleaves e Scarborough faire, assaggiando alcuni capolavori come l’Ave Verum di Mozart, l’Ubi caritas di Maurice Dourufle e Bogoroditze Devo di Rachmaninoff, senza infine tralasciare anche alcune canzoni di repertorio più leggero come Lullaby di Billy o Imagine e Black bird di John Lennon. Il concerto è ad entrata libera.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 agosto 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore