IceOut 2019, Buosi: Quando i “gusti classici” sono liquirizia e tarte tatin

IceOut 2019 - il concorso di VareseNews con il supporto di Forbar e Chicco d’Oro - è arrivato all’ultimo passo, la finale. Vi presentiamo oggi Buosi Gelato di Varese

Finalisti di Ice Out 2019: Buosi

IceOut 2019 – il concorso di VareseNews con il supporto di Forbar e Chicco d’Oro – è arrivato all’ultimo passo, la finale. Vi presentiamo oggi Buosi Gelato di Varese, una delle magnifiche dieci che si giocheranno il titolo in palio come migliore gelateria della provincia.

Galleria fotografica

Finalisti di Ice Out 2019: Buosi 4 di 27

Raccontateci la vostra storia: chi siete e quando avete aperto la gelateria?
«Abbiamo aperto nel 2008 – spiega Juanita Lorenzon, una dei due soci che gestiscono Buosi Gelato – Siamo due amici che hanno voluto fare un’impresa insieme, uno dei quali però si chiama Buosi e quindi raccoglie un testimone importante da una grande famiglia di pasticceri specializzati anche in gelato».

Qual è il segreto del vostro successo?
«Io in effetti questo mestiere l’ho sempre fatto: è da 35 anni che faccio gelati, fin da quando ero ragazzino – incalza Marco Buosi -, Io non so fare altro, quindi. Lei, la conosco da una vita.. abbiamo pensato di metterci insieme e mettere in pratica questo progetto. Che poi era destinato soprattutto a non lavorare tutti i giorni dell’anno: il mio sogno era di aprire un locale stagionale, dopo l’esperienza di gelateria all’Iper che avevo portato avanti per un po’ e che è stata un po’ pesante… ci siamo detti: “ma perché non apriamo un locale che lavora tutti i giorni, ma solo da marzo a novembre?” ci abbiamo provato, ha funzionato. Siamo aperti da undici anni. Per come l’intendo io, fare il gelato è una cosa parecchio impegnativa: l’attività apre alle 6 e mezza del mattino con la produzione e chiude a mezzanotte quando saluta gli ultimi clienti. Siamo una quindicina in tutto al lavoro e ora offriamo, oltre al gelato preparato continuamente fresco, proposte diverse come pancakes, estratti, frullati di frutta».

Quale caratteristica vi contraddistingue?
«Secondo noi la qualità e la varietà delle cose che offriamo. Qui è tutto manuale e artigianale e il punto di partenza è la qualità: ogni mattina qui si pulisce la frutta o si scelgono le foglie di menta: perché il prodotto è un punto di partenza fondamentale – spiega Juanita -. Dal pistacchio di Bronte certificato dop alle uova di Paolo Parisi, che costano 1 euro e 25 l’una. A volte sembrano preziosità esagerate, ma son tutte cose che alla fine fanno la differenza, quando si mangia un nostro gelato»

Qual è il segreto del vostro successo?
«Il desiderio e la volontà di fare sempre le cose al meglio. Non ci siamo mai lasciati andare, e abbiamo sempre lavorato perché tutto fosse al meglio» spiega Marco.

Juanita conferma: «E’ il rispetto per il nostro lavoro: noi siamo sempre qui, i sacrifici li abbiamo fatti per mantenere uno standard elevato, migliorarsi sempre di piu e adeguarsi ai tempi. Perché ora più di un tempo le persone guardano quello che mangiano, sono sempre più attente. E noi abbiamo sempre seguito la ricerca, soprattutto sulla ingredientistica»

Classici o sperimentali: come nasce la vostra selezione di gusti?
«I grandi classici non possono mancare, perché è quello che i clienti chiedono. Ma a noi piace tantissimo sperimentare: e ora ancora di più, perché ci sono ingredienti da tutto il mondo che vale la pena provare, anche se poi non hanno particolare seguito – spiega Juanita – Marco prova incessantemente a introdurre frutti esotici particolari, per esempio, anche se le persone non sempre apprezzano. E’ faticoso proporre cose nuove, anche se i nostri clienti sono curiosi: ma il risultato sono dei gusti che quest’anno sono di tendenza e che noi invece produciamo da oltre dieci anni: come lime e zenzero o limone e basilico»

Marco Aggiunge «Noi abbiamo 36 gusti su una scelta di circa 80-90, non è cosi semplice “farli girare” tenendo conto che almeno 20 sono classici e devono rimanere sempre a disposizione: solo di cioccolato noi ne abbiamo una decina di varietà».

Venendo ai gusti: «Se dobbiamo citarne qualcuno possiamo ricordare la liquirizia, che è diventato un gusto classico come anche  la tarte tatin o la sacher o anche il misto di Sicilia: dei classici magari solo per noi, ma ormai i clienti si sono abituati così – spiegano –  Un’altra nostra caratteristica è quella di avere tanti gusti di frutta: ne abbiamo sempre almeno 12. In più abbiamo sempre fatto sorbetti, ghiaccioli e altro, e cosi abbiamo parecchi prodotti senza latte: non solo gusti di frutta ma anche nocciola e mandorla o cioccolato, fatti senza derivati del latte. Infine abbiamo tentato quest’anno anche un gusto che abbiamo chiamato Detox, con cicoria e spinaci: pensavamo non avrebbe avuto un gran successo, invece ha funzionato da matti! E’ il segno del cambio di esigenze da parte dei consumatori».

Qual è il gusto che i vostri clienti amano di più o che vi distingue dagli altri?
«Di sicuro la crema: un gusto classico che noi, da pazzi, facciamo con le uova, come Dio comanda, e per di più quelle di Paolo Parisi – spiega Juanita –  Poi la nostra menta, che facciamo solo noi, pulendo foglie di menta in continuazione» .

«Purtroppo uno dei gusti che vendiamo di più è il pistacchio – Aggiunge Marco Buosi – Dico purtroppo perché è uno dei gusti che ci costa di più: 50 euro al chilo per fornire il pistacchio di Bronte doc, che dichiariamo in etichetta. Ma non cediamo di un millimetro lo stesso, sulla qualità. Ed è molto apprezzato».

Un aneddoto o una curiosità?
«Credo che la nostra curiosità siano i due “ape gelato”: due Ape Piaggio che utilizziamo per eventi privati aziendali e matrimonio, e, eccezionalmente, anche ad AgriVarese – dice Juanita – Tra gli aneddoti abbiamo una serie di curiose distorsioni dei nomi dei gelati: dalla noce di Macadamia che diventa noce della Madonna, all’amarena croccante che diventa amarena Cocciante, dal pistacchio di Bronte diventato pistacchio del Brinzio alla sacher diventata sakè».

Qual è il vostro rapporto con i social e come gestite la comunicazione?
«La nostra età ci impedisce di affrontare l’argomento in maniera indipendente – confessa Juanita – Perciò abbiamo pensato di investire un poco in questo, anche se nostro malgrado: quindi abbiamo qualcuno che ci pensa per noi. Anche perchè non siamo particolarmente connessi in questo senso».

Che rapporto avete con il territorio e con il turismo?
«Che rapporto abbiamo? Glielo diciamo in poche parole – dicono insieme –  Meno male che ci sono i turisti, in estate in particolare: siamo orgogliosi di vedere entrare nella nostra gelateria turisti da tutta Europa, magari con le guide in mano dove siamo citati come tappa obbligatoria – risponde Marco – Tra l’altro ce ne sono sempre di più, ce ne accorgiamo senza nemmeno muoverci dal negozio. Diciamo che forse è la città che non è tanto organizzata ad accoglierli: ma loro arrivano e quest’estate, da noi, hanno fatto la differenza».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 28 Agosto 2019
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Finalisti di Ice Out 2019: Buosi 4 di 27

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.