Arrestato in flagranza dopo aver svaligiato una casa. L’accusa è di minaccia e rapina aggravata

Il proprietario della casa è rientrato a casa e si è accorto della presenza. Dopo aver dato l’allarme ha provato a bloccare i ladri ma è stato picchiato

furto abitazione gallarate

Nella tarda serata di ieri – venerdì 20 settembre – i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Gallarate, sono stati allertati dalla Centrale Operativa per un furto in atto in un’abitazione situata nel quartiere di Arnate ad opera di due soggetti. (In foto la refurtiva sequestrata dai militari)

Immediatamente i militari sono arrivati sul posto e si sono messi all’inseguimento dei malfattori; uno di questi, nella concitazione del momento, per sfuggire ai Carabinieri, ha provato a scavalcare la recinzione della casa ma è rimasto con la gamba bloccata tra le grate ed è stato quindi prontamente fermato dai militari prima che riuscisse a divincolarsi.

I ladri – muniti di guanti, zaini e coltelli – avevano svaligiato l’intera abitazione appropriandosi di tutti i preziosi custoditi. Mentre erano ormai pronti a darsi alla fuga, hanno però incontrato il proprietario dell’appartamento che nel frattempo stava rincasando; questi, accortosi della presenza dei malviventi, ha chiamato il 112 e ha subito provato a bloccarli, ma è stato invece violentemente aggredito con calci e pugni e minacciato di morte anche con un coltello.

L’arrestato, un maggiorenne di nazionalità serba, sprovvisto di documenti di riconoscimento, è stato scortato presso il pronto soccorso di Gallarate per le cure del caso, al termine delle quali è stato condotto presso il carcere di Busto Arsizio dove rimarrà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa di celebrare l’udienza di convalida davanti al Giudice del Tribunale di Busto Arsizio, al quale dovrà rispondere dei reati di furto aggravato in abitazione, minaccia e rapina aggravata.

L’intero bottino messo a segno dai ladri è stato recuperato dai militari dell’Arma e prontamente restituito alla vittima. Sono tuttora in corso serrate indagini per individuare il complice del furto.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 settembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore