«L’istituto dei tumori contribuirà alle spese per le cure di Andrea Rossi»

Lo rende noto il consigliere regionale e presidente della commissione Sanità Emanuele Monti. La battaglia contro il tumore del giovane luinese continua

Avarie

«L’Istituto nazionale dei tumori ha dato esito positivo alla richiesta di contribuire alle spese di cura del giovane Andrea Rossi. Ora l’Ats Insubria istruirà la pratica per ottenere, secondo la legge, il sostegno economico per il coraggioso ragazzo di Luino, che sta seguendo una terapia sperimentale in Israele».

Lo annuncia Emanuele Monti, Presidente della III Commissione Sanità e Politiche Sociali di Regione Lombardia.

«Ci siamo mossi come istituzioni tutti insieme per garantire il massimo supporto ad Andrea nella sua battaglia – dice Monti – fare politica significa essere sempre al fianco dei propri concittadini. E noi in Lombardia cerchiamo di essere sempre coerenti a questo principio».

La storia di Andrea Rossi, il ventiseienne malato di una grave forma tumorale ha organizzato una raccolta fondi sul web che ha superato già i 120 mila euro nel giro di poche settimane per pagare alcune cure innovative per le quali è già volato, nei giorni scorsi, in Israele.

La campagna di raccolta fondi continua e l’obiettivo è quello di raggiungere i 600 mila euro necessari. Proprio in questi giorni per informare la comunità dei social che lo sostiene circa le sue condizioni mediche, Andrea sta postando i valori degli esami del sangue e l’esito delle prime visite mediche.

Continua la mobilitazione della comunità con polentate e iniziative a livello locale, e non solo (nella foto, lo striscione della partita Inter – Slavia Praha dello scorso 17 settembre dei tifosi nerazzurri), per sostenere la sua lotta.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 settembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore