Piccoli astronomi crescono tra stelle luccicanti e visori di realtà aumentata

Più ricca la proposta didattica dell'Osservatorio Schiaparelli per le scuole, con nuovi percorsi su cambiamenti climatici e inquinamento luminoso, "Apollo 11", lezioni in inglese e regali

Generico 2018

Tante novità caratterizzano la proposta didattica dell’Osservatorio Astronomico “G.V.Schiaparelli” per le scuole di ogni ordine e grado: lezioni di inglese, due nuovi percorsi (sui cambiamenti climatici e sull’inquinamento luminoso) e il progetto “Apollo 11” con cui ogni studenti può partecipare al primo allunaggio del 1969 grazie ai visori per la realtà aumentata.
E per gli studenti varesini c’è un regalo speciale: tutte le scuole primarie e medie di Varese che si prenoteranno per una visita in osservatorio avranno in omaggio una lezione o un cineforum  gratuito direttamente in classe.

Per i più piccoli delle scuole dell’infanzia sono disponibili percorsi ad hoc per avvicinarsi al mondo dell’astronomia, tra stelle luccicanti e pianeti colorati, con diversi laboratori manuali che aiutano i bambini a scoprire, toccando con mano, come sono fatti i vari oggetti del nostro Sistema Solare.

osservatorio campo dei fiori bambini

Per i bambini delle primarie i sentieri attorno all’Osservatorio sono dei libri di biodiversità a cielo aperto, mentre il laboratorio eliofisico inaugurato l’anno scorso permette di osservare fotosfera e cromosfera solare con le macchie, le protuberanze e lo spettro del Sole per poi scoprire, in osservatorio, anche i pianeti, le comete, gli asteroidi e tutti gli oggetti del cielo profondo come le nebulose, le stelle e le galassie.
Sono disponibili anche lezioni specifiche a scuola, inclusa quella nuova di astronomia in inglese ricca di giochi e piccole ma significative letture. E poi il cineforum, per scoprire (e discutere) tante tematiche a tema scientifico, astronomico e astronautico.

Un nuovo percorso sui cambiamenti climatici, con filmati ed esperimenti pratici, aiuterà gli studenti potranno capire gli effetti dannosi sull’atmosfera e sugli oceani del grave riscaldamento globale che ci sta interessando.
Confermata la disponibilità a prenotare visite notturne all’Osservatorio, in cui scrutare gli oggetti celesti attraverso il telescopio (dalla quinta elementare).

osservatorio campo dei fiori bambini

Per le scuole medie si apre quest’anno un progetto sull’inquinamento luminoso che colpisce le piante, gli animali, ma anche la salute degli esseri umani. Gli esperti dell’Osservatorio faranno delle lezioni in classe cui i ragazzi potranno dar seguito fotografando i luoghi meglio illuminati e più virtuosi delle loro città, dove si spreca meno illuminando meglio.
Le foto più significative verranno pubblicate sul sito della Società Astronomica “G.V.Schiaparelli”.

A partire dall’autunno tutte le classi potranno aderire al progetto “Apollo 11” che prevede una lezione sulla Luna e sull’allunaggio del ’69 e la visione dello sbarco sulla Luna utilizzando un visore per la realtà aumentata.
L’Osservatorio è partner di importanti realtà del territorio come FAI Villa Panza, i Musei del Sacro Monte, il Parco Campo dei Fiori con i suoi percorsi naturalistici, geologici e le grotte, l’Oasi LIPU Palude Brabbia, il Monte San Giorgio; è quindi possibile organizzare un’uscita didattica di un giorno intero abbinando l’Osservatorio a una di queste realtà.

Per maggiori informazioni si può visitare la pagina dedicata sul sito www.astrogeo.va.it/astronomia/scuole-gruppi.php oppure chiamare lo 0332 235491.

di
Pubblicato il 13 settembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore