“Sfiniti dal rumore degli aerei del Volo a Vela”, da 60 anni lo scalo sul lago

La domenica con oltre 50 voli ha esasperato il signor Leonida che ha chiesto aiuto a tutti, compresi carabinieri, arpa e Comune. L'aeroclub: "Attivi dal 1962, mai un problema"

Mondiali di Volo a Vela 2015

Da due anni vivono direttamente sul lago, in un piccolo paradiso. Una villetta a Oltrona, sotto la Provinciale e oltre la pista ciclabile, con un accesso diretto allo specchio d’acqua. Una vegetazione rigogliosa, alberi ad alto fusto che attutiscono i rumori della strada. «Ma in questo contesto idilliaco, il fastidio grosso arriva dal cielo».

Il signor Leonida si è rivolto a tutti: ai carabinieri, al Comune di Varese che lo ha trasferito a quello di Gavirate: « Ho chiamato l’Arpa che verrà a fare i rilievi. Gli aerei usati sono molto rumorosi e passano sempre sopra le nostre teste. All’andata e al ritorno».

Aerei, elicotteri, ultraleggeri: « È un traffico in continuo aumento anche perchè sembra che stiano aumentando le attività di trasporto dei turisti. Vorrei contattare chi è nella mia stessa situazione. Vorrei costituire un comitato così da ottenere qualche risultato. Chi vuole aderire, può contattarmi via email: lepagan@tin.it».

Quando Leonida e la moglie hanno acquistato casa due anni fa, non conoscevano la rumorosità della zona: « Abitavamo a Groppello, in una zona più riparata. Pensavano che la presenza del Tinella con le vasche di ripopolamento dei pesci fosse una garanzia di quiete e di rispetto dell’ambiente. Non capisco come si possa permettere questo rumore».

L’aeroporto di Calcinate del Pesce esiste dal 1962 e così l’attività di Volo a Vela dell’associazione Adele Orsi: « In quasi 60 anni di attività – commenta la presidente dell’Aeroclub Margherita Acquaderni  non abbiamo mai avuto lamentele. Certo, quattro anni fa, quando ospitammo i Campionati del Mondo, ricevemmo qualche critica. Da quelle segnalazioni, però, abbiamo lavorato come consiglio di amministrazione per migliorarci nel rispetto della quiete altrui. La nostra è un’attività stagionale con il picco tra marzo e giugno. Poi abbiamo qualche decollo in estate che va via via diminuendo. Domenica scorsa abbiamo avuto l’open day, circa 50 decolli. Ma è stato un evento eccezionale».

Miglioramenti sono possibili, ammette la presidente, ma sono anche costosi e il consiglio di amministrazione ha adottato un piano per mitigare quanto più possibile l’impatto sulla collettività: « Vogliamo incidere il meno possibile sulla quiete altrui – assicura la presidente – ma noi operiamo nel rispetto di tutte le normative esistenti. Abbiamo limitato l’attività agli alianti e solo occasionalmente atterrano gli ultraleggeri. D’altra parte, però, siamo un aeroporto e come tale viene utilizzato».

A complicare la vicenda c’è un aumento del trasporto aereo leggero che non dipende dall’Aeroclub: « Il nostro lago segna il confine dello spazio aereo di Malpensa da una parte e dell’aeroporto di Agno dall’altra. Rimane un corridoio abbastanza stretto aperto ai piccoli mezzi, elicotteri, alianti e ultraleggeri. Il movimento si è intensificato, ma non per causa nostra. Noi siamo qui da quasi 60 anni e prestiamo molta attenzione agli altri: continuiamo a variare le rotte per incidere il meno possibile sulle singole comunità. Ma quella zona di Groppello è proprio sul nostro cono d’azione. Noi abbiamo a cuore il vicinato ma ci deve essere reciproco rispetto».

Il tema della convivenza, nella provincia del volo,  si arricchisce di un nuovo capitolo. 

di
Pubblicato il 18 settembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Leonida Paganini

    L’indirizzo mail è bloccato, contattate VareseNews, grazie.

  2. Scritto da mitch1978

    MA SEI SERIO???
    “Abitavamo a Groppello, in una zona più riparata. Pensavano che la presenza del Tinella con le vasche di ripopolamento dei pesci fosse una garanzia di quiete e di rispetto dell’ambiente. Non capisco come si possa permettere questo rumore”

    “le vasche di ripopolamento dei pesci fosse una garanzia di quiete e di rispetto dell’ambiente”

    IO MI TRASFERIREI A MALPENSA E CHIEDEREI LA CHIUSURA DI TUTTO LO SCALO..
    SECONDO ME DOVRESTI BERE DI MENO, MOLLA IL FIASCO DI VINO!!!

    1. Scritto da Leonida Paganini

      Grazie per il tempo dedicatomi.

  3. Scritto da giuliomoroni

    “Quando Leonida e la moglie hanno acquistato casa due anni fa, non conoscevano la rumorosità della zona”….
    1° Abitavano a Groppello (mica a Oslo) e non sapevano che esistesse l’Adele Orsi di Calcinate?
    2° Ma nei sopralluoghi prodromici all’acquisto, non si sono accorti che passava qualche aereoplanino?
    3° Ma è possibile che si critichi un sito dove si svolge un’attività sportiva tra le meno inquinanti e rumorose in assoluto (volo a vela)?
    4° Ma “lepagan” è un indirizzo mail o una minaccia?

    1. Scritto da Leonida Paganini

      Grazie per il tempo dedicatomi,
      si ero a conoscenza del volo a vela,
      sono andato ad abitarci nel mese di Febbraio di due anni fà, sull’inquinamento sonoro e dell’aria non sono con i dati in mio possesso di dare un giudizio scentifico, mi piacerebbe tanto sapere che motori utilizzano i trainatori ed anche a che categoria appartengono ( EURO 1,2,3,4,5,6), se sono abilitati a sorvolare zone abitate, se quando passano sopra alle abitazioni hanno già raggiunto i quattrocento metri di quota.
      La mail è un indirizzo a cui non riesco più ad accedere.

Segnala Errore