Un po’ di basket e tanti altri sport: varato il progetto “Orgoglio Varese”

L'iniziativa voluta da Rosario Rasizza prende il via con otto aziende coinvolte e i primi finanziamenti ai club del territorio. Cristian Robustellini è il presidente. Alla Pallacanestro Varese 100mila euro ma senza acquisizione di quote societarie

Un supporto a largo raggio a chi si occupa di sport – professionistico o di base – ai quattro angoli del territorio, ma senza un ingresso nel capitale sociale della Pallacanestro Varese («Non è il nostro mestiere, quindi non è nei programmi»). Questo l’obiettivo di “Orgoglio Varese”, il soggetto nato sulla spinta dell’amministratore delegato di Openjobmetis spa, Rosario Rasizza, e presentato ufficialmente quest’oggi in un ristorante di Capolago alla presenza dei rappresentanti delle prime imprese che hanno scelto di sostenere l’iniziativa.

Galleria fotografica

La presentazione di Orgoglio Varese 4 di 12

Sono otto le imprese aderenti e “fondatrici” di un’associazione che sarà presieduta da Cristian Robustellini, che tra le altre cose è sindaco di Cadrezzate-Osmate, e che avrà in Paolo Sterchele, commercialista da sempre vicino a Rasizza, il proprio amministratore delegato. Un pool di imprenditori che ha sposato l’idea nata in origine per alimentare le casse della Pallacanestro Varese e che, con il passare del tempo, ha spostato la propria attenzione su tutta quella galassia di società che portano quotidianamente in campo o in pista sportivi di ogni livello. «Senza dimenticare il basket – ha detto Rasizza – che abbiamo già sostenuto nella scorsa stagione con 250mila euro anche grazie al contributo di Paolo Orrigoni, che ha sicuramente esigenze importanti e superiori rispetto alle altre realtà e che resta la società di riferimento per tutto il territorio».

In questo primo incontro, Orgoglio Varese ha consegnato alla Pallacanestro Varese un assegno di 100mila euro, direttamente nelle mani del d.g. Andrea Conti, affiancato nella circostanza da Toto Bulgheroni, Alberto Castelli e Gianfranco Ponti, oltre che naturalmente dal presidente Vittorelli che è anche presidente del CdA di Openjobmetis. A beneficiare di una tranche significativa di finanziamento, da parte del nuovo soggetto, anche il Rugby Varese che ha ricevuto 10mila euro per la propria attività con 300 tesserati e una prima squadra che tornerà a disputare il campionato di Serie B. Nel corso della cerimonia sono state anche chiamate le prime quattro realtà amatoriali coinvolte in Orgoglio Varese e destinatarie, ciascuna, di 2.500 euro, cifra che sarà erogata sotto forma di forniture di materiale per un valore equivalente. Si tratta del Softball Malnate, della Sesto ’76 Lisanza (atletica, ginnastica, orienteering), della Asso di Solbiate Arno (calcio e volley) e della Ternatese Calcio.

La presentazione di Orgoglio Varese
Rosario Rasizza

«Per entrare a fare parte di Orgoglio Varese non sono stati definiti né limiti “monetari” né temporali: le aziende possono sottoscrivere un contratto di sponsorizzazione, anche un impegno annuale, ed entrare così a fare parte di una realtà che propone visibilità e che creerà una rete “interna” di business che ha già iniziato a funzionare, oltre naturalmente a sostenere la squadra di basket e altre realtà del territorio» ha spiegato Marco Zamberletti, responsabile marketing di Pallacanestro Varese ma anche uno dei coordinatori della nuova realtà. Per quanto riguarda le piccole società invece, il loro ingresso nel programma di sostegno sarà valutato da una commissione interna a Orgoglio Varese che tra le altre cose valuterà la correttezza nei confronti dei tesserati («ci interessa aiutare chi paga regolarmente tecnici e istruttori» ha sottolineato Rasizza) e il comportamento sui campi di gara. «Mi piacerebbe che quest’oggi, a Varese, ci fossero altri appuntamenti come questo – ha concluso l’a.d. di Openjobmetis – sarebbe bello che tante realtà dessero vita a reti di questo tipo per far vivere sempre meglio le realtà del territorio. Noi ci proviamo e ci auguriamo che quando convocheremo la prossima sessione, ognuno di noi potrà portare altri soggetti, altre aziende, altre persone volenterose. E così, in quel momento, potremo distribuire altri supporti alle squadre».

LE FONDATRICI DI ORGOGLIO VARESE

– Azimut Investimenti – Società italiana di consulenza e gestione patrimoniale con base a Milano e diverse sedi nel mondo
– Deine Group – Azienda di consulenza e brokeraggio con sede a Verona e rapporti con grandi realtà a livello nazionale
Depot / Panzeri Diffusion – Nata a Malnate, si occupa di moda capelli e ha di recente aperto uno store in piazza Montegrappa. Fa già parte degli sponsor di Pallacanestro Varese
– FastEra – Società varesina specializzata in information technology, già co-sponsor dei Mastini di hockey con il marchio OGILink
– Fratelli Badi – Basata a Gerenzano, è un’impresa di distribuzione bevande azionista della rete nazionale BN (Beverage Network)
Maghetti – Nata a Varese ora ha sede a Casciago ed è una realtà importante nel mondo dei distributori automatici
– Openjombetis – Una delle principali agenzie per il lavoro italiane, nata e basata a Gallarate è quotata in borsa e da diverse stagioni è main sponsor di Pallacanestro Varese
– Ulturale – Marchio napoletano con sede anche a Milano, si occupa di produzione di cravatte su misura di alta gamma. Da tempo è vicina a Pallacanestro Varese

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 26 settembre 2019
Leggi i commenti

Galleria fotografica

La presentazione di Orgoglio Varese 4 di 12

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore