Botte al sacrestano, arrestato l’aggressore. Contestata anche l’aggravante razziale

È stato fermato per atti persecutori e per lesioni. Medicati sia la vittima sia l'aggressore, rimasto lievemente ferito e rifugiatosi in municipio

comune gallarate municipio apertura

È stato arrestato per atti persecutori e per lesioni l’uomo protagonista delle aggressioni al sacrestano di Gallarate, l’ultima – particolarmente drammatica, perché davanti ai figli – nella mattina di venerdì 18 ottobre.

I carabinieri hanno fermato Luigi La Manna, 50 anni, in municipio, dove si era rifugiato dopo l’ennesimo agguato.

Inizialmente si era parlato di molto sangue, ma le sue condizioni non erano gravi, poco più che qualche graffio, rimediato quando la vittima della sua furia si è difesa e ha parato i colpi e tentato di reagire. L’uomo ha fatto in tempo ad allontanarsi dalla piazza, ma è stato raggiunto subito dai carabinieri all’interno del municipio, che l’hanno bloccato (non ha opposto resistenza).

L’aggressione a Deodatus Nduwimana – hanno confermato i testimoni – è stata violenta, a calci e pugni, e soprattutto questa volta si è svolta anche di fronte alla figlia di Nduwimana, che vive a Gallarate da quasi vent’anni. Il sacrestano non ha riportato comunque lesioni gravi.

Botte al sacrestano perchè nero: “Ora temo per la mia vita”

L’aggressore è un senza fissa dimora, un tempo residente in un Comune della valle Olona. In questa come in altre occasioni, ha accompagnato le botte con insulti ed epiteti razzisti: per questa ragione (come già ad agosto) viene contestata l’aggravante razziale. È in carcere a Busto Arsizio.

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 18 ottobre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore