Cure palliative, medicina del territorio e veterinaria: i tre obiettivi di Ats Insubria

Approvato in commissione sanità della Regione il documento di programmazione dell'Agenzia di tutela della salute

asl di varese

Approvato dalla Commissione sanità di regione Lombardia il Piano di Organizzazione Aziendale Strategico (POAS) di Ats Insubria.

Alla presenza del direttore generale Lucas Maria Gutierrez, la commissione ha espresso parere favorevole all’unanimità rispetto al programma, illustrato da Samuele Astuti (PD), e che affronta principalmente tre temi: la realizzazione di un rapporto più stretto tra Case salute (Presst) e territorio, il potenziamento del sistema di cure palliative domiciliari e, infine, l’ambito della medicina veterinaria, legato soprattutto alle realtà di montagna.

«Il rapporto tra presidi sanitari  e territorio deve diventare sempre più stretto – hanno spiegato Emanuele Monti e Samuele Astuti – per fornire sempre più assistenza direttamente ai cittadini e sgravare anche i servizi di Pronto soccorsi. L’impegno bipartisan dei consiglieri regionali su questo fronte è sempre più determinato».

 «Il tema delle cure palliative è molto importante – sottolinea il Presidente della commissione Monti – perché andiamo ad affrontare il senso etico profondo del fine vita. Un ambito sul quale siamo fortemente impegnati e sul quale ci sarà un impegno anche di stanziamento di risorse maggiore con questo Poas, dando risposte concrete al nostro territorio».

Per quanto riguarda, invece, la medicina veterinaria il parere espresso dalla Commissione è chiaro: «La vicinanza dei presidi sanitari deve essere di aiuto al territorio, senza creare burocrazia aggiuntiva. Con questo Poas ci siamo messi sulla strada giusta». 

Qualche distinguo viene sollevato dal consigliere Astuti che richiama l’urgenza di «affrontare nell’immediato futuro il tema dei posti letto negli hospice. Oggettivamente la domanda è sempre più alta e dobbiamo essere consapevoli della necessità di implementare questo servizio». 

«Sono soddisfatto del concorde risultato espresso dalla Commissione» ha concluso Monti, precisando che il documento ora passa all’esame della Giunta per l’attuazione definitiva.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 ottobre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore