Due anni fa l’incendio a Campo dei Fiori: “La natura ha reagito, ora tocca all’uomo”

Il presidente del Parco del Campo dei Fiori Giuseppe Barra ricorda quei momenti e traccia un bilancio di quanto è stato fatto e quando rimane ancora da fare

Il 25 ottobre 2017 scoppiava l’incendio nel bosco del Campo dei Fiori. A due anni di distanza, in una giornata particolare per via delle elezioni dei vertici dell’Ente, il presidente del Parco del Campo dei Fiori Giuseppe Barra ricorda quei momenti e traccia un bilancio di quanto è stato fatto e quando rimane ancora da fare.

Galleria fotografica

Squadra Antincendio Gemonio 4 di 5

«Il ricordo di due anni fa mi dà ancora emozione – commenta Barra -. Sono stati giorni complicati, difficili, che ho vissuto in prima persona. In questi anni è stato fatto tanto e un ringraziamento va a tutte le persone che hanno lavorato per salvare il bosco nei giorni dell’incendio, i vigili del fuoco, i volontari della Protezione Civile, ma anche a chi nel periodo successivo si è dato da fare per pulire, ripiantumare, sistemare. Sono in tantissimi quelli che ancora oggi chiedono di poter fare, è un segnale molto positivo che dà la misura dell’attaccamento che il territorio ha per il proprio bosco e per la propria montagna».

«La natura ha reagito, ora tocca all’uomo fare la sua parte – prosegue Barra -. Va ritrovato un equilibrio, tornare a occuparsi con progettualità e continuità del territorio, rispettando l’ambiente. Il bosco è un patrimonio con cui si è perso nel tempo il rapporto che c’era una volta. In questi anni abbiamo lavorato per affinare una macchina che ha lavorato benissimo sul campo, in sinergia con le amministrazioni comunali e con la Regione. Di questi giorni è la notizia dell’arrivo di nuovi fondi per i piccoli Comuni, molti dei quali all’interno del Parco: risorse che verranno utilizzate per lavori di sistemazione indispensabili per arginare il dissesto idrogeologico. Sono stati fatti e progettati lavori importanti, penso a Luvinate e Barasso, ai bacini del Tinella e del Rio Cassina, fonti d’acqua che servono in caso di emergenza per operare in sicurezza e con gli strumenti adeguati». Incendio a Campo dei fiori, domenica sera

Oltre a questo, c’è la sensibilizzazione e l’educazione ambientale, temi su cui il Parco in questi anni ha lavorato molto: «L’incendio ha senza dubbio sollevato un sentimento di vicinanza al bosco e alla montagna enorme – conclude Barra -. Nei giorni dell’incendio il ricordo dei bambini che arrivavano con disegni, torte e cibo per i volontari e per i vigili del fuoco rimarranno scolpite nella nostra memoria: per questo va proseguito un percorso, con incontri, progetti, strategie volti a sensibilizzare ed educare al rispetto dell’ambiente, della natura e alla prevenzione. Sono state moltissime le scuole coinvolte e la risposta è stata entusiasmante e significativa, vogliamo proseguire su questa strada. Abbiamo coinvolto associazioni e persone, partendo dai più piccoli possiamo tornare ad occuparci come si deve del nostro territorio».

TUTTE LE FOTO E I VIDEO DELL’INCENDIO DEL CAMPO DEI FIORI

TUTTI GLI ARTICOLI SULL’INCENDIO AL PARCO DEL CAMPO DEI FIORI

di
Pubblicato il 25 ottobre 2019
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Squadra Antincendio Gemonio 4 di 5

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore