Il “re della Vuelta” conquista anche Varese: Roglic vince la 99a Tre Valli

Lo sloveno della Jumbo Visma piazza lo scatto decisivo a poche centinaia di metri dall'arrivo, dopo una lunga azione di Lopez. Un errore di segnalazione esclude dalla lotta Nibali e Valverde

Tre Valli Varesine 2019

Vince Primoz Roglic, ed è una grande notizia, perché lo sloveno che oggi ha conquistato la 99a Tre Valli Varesine è una stella di primissimo piano nel firmamento del ciclismo mondiale. Il quasi 30enne di Trbovlje nelle ultime settimane è salito sul trono di Spagna conquistando la Vuelta e si è ripetuto nel Giro dell’Emilia sul San Luca. E in primavera, a conferma di un 2019 clamoroso, aveva vinto la Tirreno-Adriatico e due tappe a cronometro del Giro d’Italia.

Galleria fotografica

Tre Valli Varesine 2019 - La gallery di Emanuela Sartorio 4 di 18

Vince Roglic ed è una notizia necessaria, perché purtroppo il finale di una gran Tre Valli ha riservato anche un episodio destinato a fare discutere. Con Luis Leon Sanchez in fuga nel corso dell’ultima tornata, un gruppo altamente qualificato di inseguitori – Nibali e Valverde su tutti – è stato “messo fuori gara” da un errore grave: su una rotatoria alla Schiranna, il gruppetto ha sbagliato strada a causa di uno sbaglio del motociclista RAI che li precedeva; una errata segnalazione che ha rovinato un’organizzazione per il resto perfetta. Ma la “macchia”, ha subito fatto il giro del mondo, cosa non certo piacevole per una corsa bellissima che viaggia in direzione del Centenario. (foto in alto: R. Gernetti)

Il successo di Roglic ha in buona parte salvato la situazione (lo dice lo stesso Renzo Oldani) ed è stata una vittoria da vero campione: lo sloveno della Jumbo Visma – uno squadrone, quello olandese – ha risolto la contesa con uno scatto imperiale dopo quasi 200 chilometri duri, con strappi continui e salite complicate. Roglic ha atteso che si esaurisse la splendida azione di Sanchez, che avrebbe davvero meritato di arrivare in fondo, ha sfruttato il traino di Moscon, ha approfittato dell’esitazione di Fuglsang (compagno di Sanchez all’Astana) e ha staccato tutti quando ormai la strada era definitivamente spianata.

Tre Valli Varesine 2019 - La gallery di Emanuela Sartorio
La partenza da Saronno – foto E. Sartorio

Azione perfetta che ha lasciato di stucco proprio l’Astana del ds varesino Zanini che ci teneva particolarmente a vincere in casa e che invece è rimasto con un pugno di mosche in mano. Anche perché, scappato il vincitore, la volata è stata appannaggio del sempre combattivo Giovanni Visconti (Neri-Selle Italia-Ktm), bravo a superare un gruppo ristretto in cui si è piazzato anche il campione in carica, Tom Skujins (Trek Segafredo), ben più “in gas” del suo compagno di squadra Pedersen che indossava per la prima volta in gara la maglia iridata.

Ciclismo Tre Valli Varesine 2019
I sei in fuga

Tanti, comunque, i campioni che si sono ben destreggiati nel corso di una gara caratterizzata da una lunghissima fuga a sei con Ballerini (ultimo a mollare), Gogl, Herrada, Marengo e Agnoli, lasciati allo scoperto dal plotone. Poi la corsa è esplosa a un paio di tornate dalla fine a partire dal promettente francese Gaudu. Il batti-e-ribatti che si è creato in seguito ha dato vita a un’azione di una quindicina di uomini con tanti “big”: da Valverde alla coppia UAE Martin-Ulissi, dal campione d’Italia Formolo a Teuns fino a Madois e appunto a Luis Leon Sanchez. Lo spagnolo è stato bravissimo a lasciare la compagnia e a guadagnare una ventina di secondi mentre alle spalle è arrivato anche Nibali dopo aver rotto gli indugi.

Nella bagarre, il fattaccio: Sanchez ha preso la via giusta alla Schiranna, gli altri hanno seguito una moto e si sono ritrovati dal lato sbagliato della rotonda, così il leader ha subito raddoppiato (da 20” a 42”) il vantaggio. A quel punto, dietro si sono riorganizzati e così il distacco ha iniziato a calare con ancora l’ultima scalata tra Bobbiate e Casbeno da affrontare. Sanchez, a un certo punto, ha trovato un bel break riportando a 13” il margine ma alle sue spalle si sono mossi i grandi: la Ineos ha tirato per Moscon, Roglic si è accodato mentre Fuglsang è rimasto sulle ruote per subentrare al compagno. Il “passistone” danese dell’Astana è sembrato per un attimo il favorito ma lo sloveno, che voleva evitare uno sprint ristretto, ha messo il turbo: scatto verso la destra di via XXV Aprile e divario subito sufficiente per arrivare a Palazzo Estense con il braccio levato al cielo. La Tre Valli “della rotonda sbagliata”, ha di sicuro un grandissimo vincitore.

99a TRE VALLI VARESINE
Saronno – Varese, 197,82 Km
Ordine di arrivo: 1) Primoz ROGLIC (Slo – Jumbo Visma) in 4.40.46, media 42,274; 2) Giovanni Visconti (Ita – Neri-Selle Italia) a 3″; 3) Tom Skujins (Let – Trek-Segafredo) s.t.; 4) Andrea Vendrame (Ita – Androni-Sidermec) s.t.; 5) Sergio Higuita (Col – EF) s.t.; 6) Benoot (Bel), 7) Sbaragli (Ita), 8) Geogheghan (Gbr), 9) Caruso (Ita), 10) Wellens (Bel).

 

Primož Roglič vince la 99a Tre Valli Varesine

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 ottobre 2019
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Tre Valli Varesine 2019 - La gallery di Emanuela Sartorio 4 di 18

Galleria fotografica

Tre Valli oltre la corsa 4 di 39

Galleria fotografica

Tre Valli Varesine 2019 4 di 120

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Viacolvento

    Sarebbe possibile conoscere quali siano le valli che danno il nome alla gara?

    1. Damiano Franzetti
      Scritto da Damiano Franzetti

      Buongiorno: si tratta della Valcuvia, della Valganna e della Valceresio

Segnala Errore