La notte dell’edilizia residenziale a Castellanza, troppi palazzi abbandonati

La grande crisi dell'edilizia a Castellanza non vede ancora la luce in fondo al tunnel. Sono molte le palazzine in completo abbandono, nonostante l'università, mentre crescono supermercati e ristoranti

case abbandonate castellanza

Case murate, finestre chiuse, facciate malandate e a rischio crollo anche in pieno centro. Castellanza, città universitaria, non riesce a valorizzare il proprio patrimonio immobiliare ed è un controsenso. Proprio qui dove ogni anno arrivano centinaia di studenti da tutta Italia per frequentare la Liuc, sembra che il settore dell’edilizia residenziale faccia una grande fatica a riprendersi dalla grande crisi dei primi anni duemila.

Galleria fotografica

Case abbandonate a Castellanza 4 di 6

Lo conferma il sindaco Mirella Cerini che non può far altro che constatare la situazione e promettere qualche intervento sugli oneri di urbanizzazione come leva per invogliare i privari a ristrutturare: «Da anni il settore dell’edilizia residenziale è fermo – spiega – un problema che non è solo di Castellanza ma che qui assume un carattere estetico forte perchè gli immobili più malandati sono su corso Matteotti, via Pomini, via don Testori e in piazza Soldini. Stiamo pensando di intervenire per agevolare questi interventi».

L’edilizia nel suo complesso, però, non è ferma. Sorgono supermercati (tre negli ultimi due anni), ristoranti giapponesi e si riaccende l’interesse sull’area dell’ex-Mostra del tessile, al centro di un possibile progetto di outlet sul modello (più in piccolo) di Serravalle: «La Saronnese è ormai votata ad essere la via delle attività commerciali e per Saronnese intendiamo anche il tratto verso Busto Arsizio e di questo si occuperà la variante al Pgt che stiamo preparando. Quello dell’ex-Mostra del Tessile è uno degli ambiti di trasformazione al centro dell’attenzione perchè puntiamo a ridare dignità a tutto il comparto tra il parco Altomilanese e l’Isis Facchinetti» – ha detto ancora la sindaca.

L’ex-Mostra del tessile, in effetti, è un’area in totale abbandono da molti anni, tanto che il bosco si è ripreso tutto, anche l’asfalto del parcheggio a lato di quella che una volta era considerata il fiore all’occhiello della produzione meccano-tessile mondiale. Al punto che una esponente dei 5 Stelle di Castellanza ha denunciato i bivacchi e l’immondizia che si è accumulata all’interno di quello che definisce un bosco ma che in realtà è un’area privata piena di macerie e di arbusti cresciuti in maniera incontrollata.

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 15 Ottobre 2019
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Case abbandonate a Castellanza 4 di 6

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.