Presentato il progetto della viabilità attorno al nuovo ospedale unico

Incontro in Regione per definire quali opere viabilistiche saranno necessarie per il nuovo grande polo sanitario che sorgerà a Beata Giuliana: rotonde, controviali, cavalcavia e bretella

viabilità nuovo ospedale busto gallarate

L’assessore all’urbanistica del Comune di Busto Arsizio Giorgio Mariani ha incontrato la regione per mettere a punto il piano per la viabilità attorno al nuovo ospedale unico che sorgerà nei prossimi anni a Beata Giuliana, su un terreno che sta al confine col Comune di Gallarate.

Il progetto presentato da Mariani prevede la realizzazione di nuove rotonde, di controviali sul Sempione e di due nuovi collegamenti viari: uno è il cavalcavia della bretella che unirà Pedemontana alla ss 33 e l’altro è il collegamento tra via Quintino Sella e la ss 33 per creare un deflusso di mezzi attorno all’area dell’ospedale.

Il progetto, che ha un costo stimato di circa 12 milioni di euro, andrà a modificare l’intera area e dovrà tenere conto anche dello sviluppo dell’area ex-Mizar (progetto che sembra poter andare in porto, ndr) e del campus sportivo di Beata Giuliana con l’avvento del Palaginnastica e di altre strutture sportive a contorno.

viabilità nuovo ospedale busto gallarate

I controviali e le rotonde

Partendo dal Sempione sono previsti controviali su entrambi i lati per agevolare l’entrata e l’uscita di auto da entrambi i lati (ospedale e Mizar). Sono previste nuove rotonde, una all’altezza dei Vigili del Fuoco e una che colleghi la via Quintino Sella e la nuova bretellina che costeggerà l’ospedale.

La tangenziale nord e la bretellina

Nel progetto viabilistico è previsto anche un viadotto lungo 140 metri che rappresenta ilprimo trattao della variante alla 341 di cui si parla da molti anni e che collegherà la 336 all’altezza dell’Amsc sempre con la 336 ma all’altezza di Vanzaghello-Castano. L’opera viaria passerà sopra i binari della ferrovia, sulla ss336 e sopra il Sempione (previsto un piccolo tunnel subito dopo la nuova rotonda dell’ospedale e lo spostamento dell’ingresso in ss336 attuale di qualche decina di metri più a sud).

Il sottopasso di Sant’Anna

A queste opere si collegano anche quelle che stanno per partire (sempre che Rfi non mandi tutto a monte col progetto del terzo binario tra Gallarate e Busto Arsizio) per il sottopasso di Sant’Anna che parte dalla rotonda di via Minghetti e va a collegarsi con una nuova strada che passerà a nord di Sant’Anna per ricongiungersi con la via per Cassano Magnago, all’altezza del cavalcavia della 336.

«Con questo progetto – spiega l’assessore all’Urbanistica Giorgio Mariani – vogliamo adeguare l’intero comparto allo sviluppo previsto nei prossimi anni. Abbiamo chiesto di mantenere l’ingresso in 336 dal Sempione semplicemente spostandolo di qualche metro».

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 18 ottobre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore