Un euro a persona per salvare il lago di Varese

È la proposta uscita dall'incontro di venerdì 18 ottobre da alcuni Comuni che si stanno adoperando per il risanamento del bacino. Monti: "Consentirà alle nostre comunità di avere una dotazione finanziaria per contribuire al rilancio del territorio"

Varese, lago, lago di Varese

“Un euro per ogni abitante dei comuni che si affacciano sul Lago di Varese. Una proposta che, se tutti i sindaci condivideranno, consentirà alle nostre comunità di avere una propria dotazione finanziaria per contribuire al rilancio del territorio”. 

Emanuele Monti, Consigliere regionale della Lega, era con l’assessore Raffaele Cattaneo alla riunione del tavolo dell’Accordo quadro di sviluppo territoriale per il risanamento del Lago di Varese, che si è svolto oggi, venerdì 18 ottobre.

“Nella riunione di oggi sono stati presentati i risultati molto positivi di questi primi mesi di rilevamenti e azioni” – spiega Monti – “Durante la riunione di oggi sono emerse due proposte. Una, da parte mia, di realizzare entro la fine dell’anno un convegno pubblico aperto a tutta la cittadinanza per informare sui primi risultati raggiunti e per aprire la discussione. Il nostro lago è amato da tutti e sono sicuro che i varesini ci tengano a poter essere protagonisti del suo risanamento seguendo passo passo questo percorso”.

“L’altra proposta – prosegue Monti – è arrivata da alcuni sindaci dei comuni interessati, ovvero di dotarsi di fondi propri, pur nelle difficoltà di bilancio, per consentire all’Associazione Comuni Rivieraschi di effettuare propri interventi. L’idea, che condivido e auspico possa essere condivisa da tutti quanti i sindaci è di stanziare, da parte loro un euro simbolico per ogni abitante. Se ogni Comune rivierasco farà la sua parte, i fondi potrebbero ammontare a circa 200mila euro, in base ad una stima della popolazione coinvolta”. 

“Mi sento di appoggiare questa iniziativa dei sindaci e di chiedere che tutti gli amministratori aderiscano – conclude Monti – Regione Lombardia sta facendo la sua parte con un grosso impegno finanziario. Con le dovute proporzioni, i Comuni potrebbero fare la loro parte, puntando magari, è la mia proposta, ad investire questi fondi nella manutenzione della pista ciclabile attorno al lago. Una grande risorsa, molto utilizzata, ma che versa in difficoltà perché dopo la ‘demolizione’ delle Province da parte della Riforma Delrio non c’è più nessun Ente che può farsi carico della sua manutenzione”.

A presiedere l’incontro di oggi del Comitato di coordinamento dell’Accordo Quadro per lo Sviluppo Territoriale ‘Salvaguardia e risanamento del lago di Varese’, l’assessore all’Ambiente e Clima della Regione Lombardia Raffaele Cattaneo.

“Per tutte le azioni c’è stato un avanzamento – ha detto Cattaneo – c’è qualche criticità legata alle assegnazioni delle gare, ma nel complesso siamo in linea con la tempistica. Il lavoro sta procedendo bene, con il contributo di tutti i soggetti coinvolti. I dati del monitoraggio della qualità delle acque confermano che la qualità delle acque migliora. Lo stato chimico e microbiologico è buono, le tossine algali sono presenti in modo limitato, dobbiamo continuare a lavorare per risolvere l’eccesso di presenza di fosforo e la scarsa dell’ossigenazione del lago”.

PRIMO RAPPORTO SEMESTRALE

Tra i temi dell’incontro la presentazione del primo rapporto di monitoraggio semestrale, l’aggiornamento del programma di azione e la presentazione di nuove proposte. Inoltre, è stata ricevuta e accolta la richiesta di adesione all’Aqst da parte di Italia Nostra, Fondo per l’Ambiente Italiano (Fai), Save Lake Varese APS e Legambiente.

RETE FOGNARIA

Per quanto riguarda il sistema fognario, sono state raccolte le segnalazioni dl malfunzionamento del sistema fognario dal 2016 al 2019. Il lavoro procede secondo la tempistica. Prosegue il rilievo topografico del reticolo fognario nel bacino del lago di Varese esteso per oltre 1000 km. In questo momento sono in fase di rilievi i comuni di Casale Litta, Buguggiate, Azzate e Varese. Sono stati poi valutati gli studi progettuali esistenti per i primi interventi di soluzione delle criticità e il primo intervento riguarderà la vasca di laminazione sul collettore sud prevista a Galliate Lombardo e sarà avviato entro la fine dell’anno.

MONITORAGGIO DELLE ACQUE

Le boe limnologiche per monitoraggio in continuo dei principali parametri sulla qualità delle acque sia sul lago Maggiore sia sul lago di Varese saranno installate a febbraio, con qualche settimana di ritardo sul cronoprogramma dovuta all’affidamento dell’affidamento della gara.

L’assessore Cattaneo conferma: “Nel frattempo è stato già svolto un lavoro molto approfondito con otre 3500 analisi chimiche e microbiologiche”. “Il monitoraggio condotto – prosegue Cattaneo – conferma che alti livelli di trofia per l’eccessiva presenza di fosforo e la scarsa ossigenazione delle acque rimangono i due problemi principali della situazione delle acque del lago. Non sono stati riscontrati problemi di inquinamento da composti chimici, tutti al di sotto dei limiti previsti e in molti casi della rilevabilità strumentale”.

Per quanto riguarda il monitoraggio del fiume Bardello e del lago Maggiore sono state svolte oltre 6000 analisi: il monitoraggio dei parametri relativi alla carica batterica è in linea con la situazione degli altri laghi subalpini e non segnala criticità. Infine le analisi microbiologiche delle fioriture algali ai fini della balneazione hanno confermato un miglioramento.

AMMODERNAMENTO IMPIANTO DI PRELIEVO IPOLIMNICO
Si sta procedendo all’affidamento delle gare per: la realizzazione di una presa idraulica sommersa per emunzione delle acque superficiali in stacco dalla tubazione di aspirazione dell’impianto di prelievo ipolimnico del lago di Varese e pulizia delle griglie di aspirazione subacquee; la sistemazione dello scarico, smantellamento dell’impianto di ossigenazione, manutenzione e messa in sicurezza del verde; l’installazione di un sistema di iniezione di aria atmosferica; l’installazione di un sistema di rilevazione cattivi odori presso il punto di scarico; l’ammodernamento del quadro elettrico con sistema di monitoraggio e controllo in remoto. “Confermiamo l’anticipazione rispetto al cronoprogramma – ha rimarcato l’assessore Cattaneo – dell’attivazione della sperimentale del prelievo delle acque profonde già dal prossimo mese di maggio”.

BIODIVERSITA’ E DISCIPLINA NAVIGAZIONE LAGO

È stato istituito un tavolo tecnico che si occuperà dell’attivazione della navigazione elettrica sul lago, per sviluppare questa attività a farla partire già  dalla prossima stagione estiva.
“Lavoreremo insieme al Comune di Varese, individuato come capofila – ha chiosato l’assessore Cattaneo -, per sviluppare e attivare la navigazione elettrica a fini turistici”.

Sulla valutazione dei livelli del lago adeguati alla protezione ambientale e all’utilizzo plurimo delle acque sono in corso gli approfondimenti relativi all’istallazione di un misuratore di portata in uscita al fiume Bardello, di misuratori di livello del lago a monte e a valle dello sbarramento e un misuratore di apertura delle paratoie, in abbinamento a un sistema di monitoraggio e trasmissione dati in remoto. In valutazione con il Consorzio delle acque utenti fiume Bardello l’opportunità di meccanizzare e automatizzare il funzionamento delle paratoie, sempre in abbinamento a sistemi di monitoraggio e controllo in remoto.
Inoltre, è stato inserito tra le azioni dell’Aqst il progetto proposto dalla la cooperativa dei pescatori sulla la tutela della fauna ittica e lo sfoltimento delle specie alloctone del Lago di Varese.

COMUNICAZIONE

Si sta attivando la collaborazione tra Provincia e il liceo artistico Frattini di Varese per la realizzazione del logo dell’AQST entro fine gennaio 2020. Saranno organizzati incontri tra gli studenti e referenti della segreteria tecnica per illustrare le attività dell’Aqst e delle principali tematiche di interesse connesse.

VALORIZZAZIONE SPONDE  
Inoltre nella azione dell’AQST è stato inserito lo sviluppo e valorizzazione territoriale delle sponde e il ripristino della pista ciclabile nei comuni rivieraschi

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 ottobre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore