Sfascia il furgone che ha rubato all’amico e poi lo picchia: arrestato

Un 30enne ubriaco ha rubato il furgone ad un amico e ha iniziato a correre per le vie della città. Quando ha tamponato una macchina è sceso e ha picchiato il derubato

carabinieri luino

Serata rocambolesca venerdì sera alla sala giochi Izi Play di Largo Cairoli a Luino. Un 30enne, già conosciuto alle forze dell’ordine, dopo aver consumato una birra assieme ad un 60enne ha deciso rubato il suo furgone Piaggio Porter. L’uomo “derubato” si è accorto poco dopo del furto, ma non si è scomposto particolarmente.

Almeno fino a quando pochi minuti dopo, attorno alle 21.45, il 30nne alla guida del mezzo rubato era in evidente stato di ebbrezza e ha iniziato a percorrere le vie del centro di Luino in modo spericolato. Quando l’uomo è arrivato in via XXV aprile non si è accorto che una macchina che lo precedeva stava frenando per consentire il passaggio di un pedone sulle strisce pedonali. Così l’ha tamponata violentemente, causando danni importanti ad entrambi i mezzi rimanendo bloccati sulla carreggiata. Sull’auto tamponata, per la cronaca, c’erano un giovane di Luino e la sua fidanzata, la quale riporterà un lieve trauma al collo.

Nel frattempo, il proprietario dei mezzo rubato, rimasto nelle vicinanze, si è avvicinato alla scena del sinistro. A quel punto il giovane che gliel’aveva poco prima rubato improvvisamente lo ha aggredito in modo violento: lo ha sollevato di peso e lo ha scaraventato a terra, lasciandolo inerme. All’arrivo dell’ambulanza i Carabinieri del Nucleo Radiomobile, sono riusciti subito a bloccare il ragazzo agitato e a trattenerlo in attesa di sentire i testimoni che erano presenti. Nel frattempo la pattuglia della stazione carabinieri di Cuvio procedeva a rilevare l’incidente stradale.

Una volta portato in caserma è stato dichiarato in arresto per furto d’auto, guida in stato di ebbrezza (aveva un tasso alcolico di 1.20 g/l), danneggiamento e lesioni gravi in quanto la vittima ha riportato una frattura scomposta del ginocchio. Sabato mattina, al termine dell’udienza di convalida, il giudice del tribunale di Varese ha disposto nei suoi confronti la custodia cautelare in carcere al Miogni.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 novembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore